Cresce il disavanzo regionale a 159 milioni. La Corte costituzionale boccia anche bilancio preventivo 2021 - Molise Web giornale online molisano
Venerdì - 31 Maggio 2024

Cresce il disavanzo regionale a 159 milioni. La Corte costituzionale boccia anche bilancio preventivo 2021

Campobasso. Con la sentenza n. 58, pubblicata pochi minuti fa, la Corte costituzionale ha dichiarato costituzionalmente illegittimo il Rendiconto generale della regione Molise per l’anno 2021. Poco più di un mese fa, analoga pronuncia di incostituzionalità aveva già colpito il Rendiconto 2020. La situazione contabile del Molise ormai è diventato un caso nazionale. Sembra che la Regione abbia già cercato di affrontare la situazione attraverso l'approvazione della legge n. 4 del 2023. Questo passo dimostra una certa consapevolezza della gravità della situazione finanziaria e contabile e un tentativo di correggere le incongruenze nei rendiconti.

Il ricalcolo del disavanzo regionale, con un aumento di circa 159 milioni di euro, potrebbe essere un primo passo importante verso la risoluzione dei problemi contabili. Tuttavia, è importante che la Regione si assicuri che questa misura sia sufficiente per stabilizzare la situazione e prevenire ulteriori conseguenze negative.

Potrebbe essere opportuno monitorare attentamente l'attuazione della legge n. 4 del 2023 e valutare se sono necessarie ulteriori azioni correttive per garantire una gestione finanziaria sana e trasparente. Inoltre, è fondamentale che la Giunta regionale e le autorità competenti prendano sul serio le avvertenze della Corte dei conti, obbligando la Regione alla riapertura del rendiconto di bilancio 2020-21 per una nuova approvazione, aggiornando i bilanci con gli altri debiti contestati. Processo molto complicato e dispendioso, ma necessario, secondo la Corte dei conti, per evitare conseguenze ancora più gravi sul fronte finanziario e contabile.

MoliseWeb è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/moliseweb_it