OTTO MARZO: MOLISEWEB E UNAVOCEPERLEDONNE CHIEDONO AZIONI PER I CAV IN MOLISE - Molise Web giornale online molisano
ELENCO :: CHI SIAMO
domenica, 08 marzo 2015
Otto marzo: Moliseweb e Unavoceperledonne chiedono azioni per i Cav in Molise
Mimose, vendita dei fiori, gazebo, dolci e feste commerciali. Di tutto questo Moliseweb.it oggi, otto marzo, ha deciso di non parlare. Non seguiremo alcuna iniziativa che si svolge in Molise. Siamo stanche di vedere mimose sui tavoli di convegni organizzati da Centrodestra, Centrosinistra, Movimento Cinque Stelle e sindacati vari. Oggi è una giornata in cui si ricorda la morte di 129 operaie in una fabbrica di cotone della Virginia. A che è servita questa memoria in Molise? A niente ragazzi miei. La donna in Molise è vista ancora come la costola dell'uomo, come il perno servile della famiglia. Ma cosa si fa per le donne? Solo promesse e vuoti proclami. Ci dispiace dirlo ma è così. Nemmeno le tre consigliere regionali presenti a Palazzo Moffa oggi possono dire di aver rispettato il loro patto con le cittadine e i cittadini che hanno avuto il coraggio di barrare la scheda e scegliere una donna come loro rappresentante.
Perché mai? Perché non si trova una unità d'intenti e nessuna fa quello che ci aspetteremo da lei: chiedere al Governatore Paolo Di Laura Frattura la convocazione urgente del tavolo di confronto per l'attuazione della legge regionale antiviolenza approvata all'unanimità  nell'ottobre 2013 e non ancora attuata. Finora solo una volta si è riunito chiamando a raccolta non tutte le associazioni che si occupano di violenza sulle donne in Molise. 
Finora i centri antiviolenza in Molise sono solo un sogno. I tre che ci sono non sono supportati da case rifugio per le donne maltrattate. Non esiste una consulenza psicologica gratuita per le persone maltrattate. Solo convenzioni dell'ordine degli avvocati di Campobasso e Isernia per assistenza legale gratuita. Come direttrice di Moliseweb.it e come presidente dell'associazione "Unavoceperledonne" chiedo alla Regione Molise di attivare il tavolo di confronto per l'applicazione della legge antiviolenza. Senza di essa e con la metà delle donne a casa non possiamo sperare in nessun miglioramento. La Convenzione di Istanbul e il Molise sembrano due casi separati.
Viviana Pizzi 

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate