Covid, Facciolla: "Situazione al collasso in Molise, allertiamo il Ministero"

Non avremo voluto avere ragione su quanto avevamo previsto fin da marzo ma purtroppo quello che sta accadendo va oltre ogni possibile immaginazione. E' quanto dichiara il consigliere regionale, Vittorino Facciolla: "Avevamo detto che non sarebbe bastato separare i percorsi Covid all’interno degli ospedali ma che bisognava creare un ospedale Covid e lo avevamo individuato nel ‘Vietri’ di Larino. Niente di tutto questo è stato fatto e adesso sta s쳭endo l’inevitabile con entrambi gli ospedali spoke di Termoli ed Isernia che sono al collasso a causa della presenza di pazienti Covid e si corre il rischio che tutti e due i nosocomi diventino, come già sono, promiscui e fonte essi stessi di infezione. Assistiamo quotidianamente al fallimento totale della gestione della Sanità regionale del duo Toma e Florenzano che invece continuano a dire che va tutto bene e hanno anche l’arroganza di parlare del virtuoso modello Molise. La situazione è al collasso, la percentuale degli infetti in proporzione alla popolazione molisana è spaventosamente alta. I casi di contagio sono ormai così tanti che di fatto si rinuncia persino al tracciamento e al tentativo di ricostruire le catene di contagi e si preferisce intervenire e fare i tamponi solo sui pazienti sintomatici. Questo significa che non c’è più alcuna possibilità di contenere il virus. Nel contempo Toma e Florenzano hanno finalmente confessato (con un provvedimento del 23 ottobre 2020 a firma del dott. Florenzano), che i mezzi del 118 dovranno essere utilizzati anche per il trasferimento dei malati Covid, lasciando di fatto scoperti tutti i casi di urgenza ed emergenza. Quando noi avevamo già individuato questo tipo di pericolo, ovvero che impiegare il 118 per il trasporto covid avrebbe lasciato scoperto il servizio di urgenza ed emergenza, sia Toma che Florenzano lo avevano negato. Adesso invece è inequivocabile che l'emergenza urgenza non è più garantita. Possiamo ancora fare qualcosa ma serve invertire la rotta repentinamente. Innanzi tutto bisogna rimettere il 118 a servizio delle emergenze e le altre nosologie e coprire il trasporto dei malati Covid utilizzando le convenzioni con associazioni di volontariato. Inoltre, nel minor tempo possibile, bisogna individuare nel Cardarelli di Campobasso l’unico ospedale Covid della regione e far sì che tutte le altre nosologie vengano curate negli ospedali spoke di Termoli ed Isernia dove dovranno essere trasferiti reparti e personale medico. Toma può utilizzare parte dei fondi messi a disposizione dallo Stato per assumere nuovo personale medico e paramedico. Noi non ci fermiamo e continueremo ad insistere affinché vengano prese in considerazione le nostre proposte per cercare di gestire al meglio questa emergenza sanitaria. Per mercoledì - conclude Facciolla - abbiamo convocato la direzione del Partito e interesseremo anche il Ministero perché vengano a conoscenza di quello che sta accadendo in Molise e di questa gestione della Sanità totalmente fallimentare e folle".