Morto il compositore Ennio Morricone. Il legame con l'Alto Molise

Si è spento oggi, lunedì 6 luglio il grande compositore Ennio Morricone, prossimo ai 92 anni. La morte è sopraggiunta dopo una caduta che gli ha comportato la rottura del femore. Era il 2018 quando, la Pontificia Fonderia di campane "Marinelli" di Agnone, in occasione dei 90 anni del maestro, gli aveva creato un gong a lui dedicato. Si tratta di un disco metallico, dal diametro di circa 30 cm, con un'unica nota musicale, il "Sol", sospeso su di una struttura realizzata con il ferro battuto, realizzata ad Agnone. Si racconta che, giunto in Molise, venne talmente colpito dalla Piana di Prato Gentile a Capracotta che questa visita gli  ispirò la realizzazione della colonna sonora di un film di Sergio Leone. Grande amante dei formaggi e, in particolare del pecorino dell'Alto Molise. 

BIOGRAFIA

Nasce a Roma, il 10 novembre del 1928, sotto il segno dello scorpione. Ma come si avvicina alla musica? A 10 anni comincia a frequentare il conservatorio di S.Cecilia, spinto dal padre, anche lui musicista e suonatore di tromba. Successivamente, nel 1944, comincerà a studiare composizione, e due anni dopo si diplomerà in tromba. È il periodo in cui viene ingaggiato come musicista, arrangiatore e compositore, e nel frattempo Ennio si dedica allo studio, anche se interromperà il terzo anno del corso di musica corale e direzione di coro senza conseguire il diploma. L’inizio ufficiale della sua carriera nel cinema risale al 1955, quando comincia ad arrangiare musiche per il cinema. Pensate che nello stesso anno viene assunto dalla Rai come assistente musicale, ma si licenzierà il primo giorno. Un gesto di chi sapeva che era destinato a qualcosa di più grande.