Patto per lo sviluppo del Molise, Toma: "Nel 2019 attivate risorse per circa 170 milioni di euro"

In un’ottica di accountability, quindi al fine di dare evidenza all’azione fin qui intrapresa dalla Giunta regionale, il seminario di oggi è anche l’occasione per fare il punto su quanto sia stato messo in campo, nell’anno in corso, nell’ambito del Patto per lo sviluppo della Regione Molise. Lo ha detto il presidente Toma nel suo intervento all’evento seminariale “Il Fondo per lo sviluppo e la coesione. Dal Programma attuativo regionale 2007/2013 al Patto per lo sviluppo della Regione Molise. Il Sistema di gestione e controllo”, che si è svolto questa mattina a Campobasso, presso l’Auditorium di Palazzo ex Gil. "Siamo riusciti ad attivare risorse per quasi 170 milioni di euro – ha fatto sapere il governatore - e abbiamo approvato, con recente Delibera di Giunta regionale, un ulteriore elenco di interventi da finanziare nell’ambito del Piano straordinario di messa in sicurezza delle strade nei piccoli Comuni delle Aree interne con le risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione 2014-2020. Va precisato - ha aggiunto - che per questi ultimi interventi, ventisei in tutto, entro il prossimo mese di dicembre, è prevista la firma congiunta,  da parte del presidente della Regione Molise e del ministro per il Sud, dell’Atto aggiuntivo al Patto. Si tratta di circa 6,4 milioni di euro per la provincia di Campobasso e di circa 3,5 per la provincia di Isernia". Toma ha poi fornito alcuni numeri di dettaglio concernenti l’azione posta in essere dalla Giunta, sempre relativamente al 2019: "Per la viabilità minore, poco meno di 70 milioni di euro, di cui oltre 44 per la provincia di Isernia; per la difesa dal dissesto idrogeologico, più di 32 milioni di euro per tutto il territorio regionale, 16 per la provincia di Campobasso, 16 per la provincia di Isernia, oltre a quasi 19 milioni per il  consolidamento del versante nord di Petacciato; l’Avviso di 15 milioni  rivolto alle PMI per il rilancio produttivo dell'Area di crisi complessa; l’Avviso con  una dotazione di 20 milioni per quanto riguarda l’Albergo diffuso e la microricettività. Significative, dunque, sono le risorse attivate, e ancora da attivare, sul Patto, ed è pertanto necessario l’impegno di tutti noi, dall’Amministrazione regionale ai soggetti beneficiari e attuatori, per un impiego efficace ed efficiente dei fondi".