Test antidroga ai consiglieri regionali, la Lega si spacca

La Prima Commissione consiliare ha espresso, a maggioranza, parere favorevole alla proposta di legge 'Test antidroga casuali e periodici per i consiglieri e assessori della Regione Molise'. Nella votazione si è astenuta la consigliera della Lega Filomena Calenda, ha invece espresso voto contrario il portavoce del MoVimento Cinque Stelle Andrea Greco.
Sulla questione è intervenuta la consigliera Aida Romagnuolo che ha dichiarato di trovare l'astensione della sua compagna di partito "molto grave, priva di ogni motivazione, ingiustificata sotto tutti i punti di vista sia politici che morali. Faccio rilevare che, come capogruppo della Lega in seno al Consiglio Regionale del Molise, il nostro partito è favorevolissimo alla legge, perché è noto che noi combattiamo la droga su tutti i versanti e con tutti gli strumenti che la legge ci consente".
Romagnuolo ha sottolineato che l'astensione della consigliera Calenda è un voto personale e "per nessuna ragione, rappresenta nè la linea del nostro partito che è la Lega e nè il pensiero di Matteo Salvini che, sul problema droga, ha da sempre fatto delle straordinarie ed efficaci battaglie per debellarne il fenomeno".
Dal canto suo la capogruppo della Lega ha ritenendo molto grave quanto è successo e ha deciso così di convocare una riunione urgente alla quale prenderà parte anche il coordinatore regionale Luigi Mazzuto.