Con il reddito di cittadinanza nuovi addetti nei Centri per l'impiego. In Molise previste 28 assunzioni

Il decreto legge per il reddito di cittadinanza è stato approvato e ora, come previsto dal comma 258 della Legge di Bilancio, ci si aspetta nuove assunzioni nei Centri per l'impiego e una riforma degli stessi enti. 

Il 27 aprile il sussidio verrà erogato ai richiedenti in possesso dei requisiti che, entro un mese e quindi entro fine maggio, saranno chiamati dai Centri per l’impiego per la dichiarazione di disponibilità al lavoro. Ma secondo le previsioni le nuove assunzioni, ne sono previste quattro mila in tutta Italia, avverranno, da parte delle regioni, solo a partire da agosto, mentre per i  sei mila 'navigator' di Anpal servizi le procedure di ingresso e di formazione non si completeranno prima dell’autunno.

Ma come avvengono le nuove assunzioni?

La legge di Bilancio assegna le risorse alle Regioni per effettuare quattro mila assunzioni in modo da rafforzare l’organico. Serve però un decreto ministeriale, preceduto da un’intesa in ambito della Conferenza delle Regioni sulla distribuzione territoriale dei neoassunti, poi va promossa la selezione pubblica per avviare le procedure di reclutamento. Dovranno essere pubblicati i bandi regionali, ogni regione potrà avviare le procedure concorsuali o attingere alle graduatorie a scorrimento.

E prima di allora chi soddisferà le richieste degli utenti?

Saranno gli stessi impiegati che hanno svolto la loro attività prima dell'approvazione del decreto legge. Infatti, a partire dalla prossima primavera ciascuno dei circa otto mila dipendenti dei servizi per l’impiego, invece di prendersi carico, come oggi, di 312 persone a testa, dovrà gestirne 620, da accompagnare per lo più fino al raggiungimento di un impiego.

Si rischia in questo modo di trovarsi di fronte a un sovraccarico di lavoro tanto da non riuscire a far incontrare domanda ed offerta. E poi per poter soddisfare le richieste degli utenti in primis sarebbe necessario superare gli ostacoli di fronte ai quali i Centri per l'impiego si sono trovati fino ad oggi. In particolare banche dati che non si parlano, inadeguate capacità professionali del personale, organici insufficienti, governance confusa e contraddittoria. Sarebbe poi necessario un dialogo tra gli stessi Centri per l'impiego che a loro volta dovrebbero dialogare con l'Inps, soprattutto nel caso del reddito di cittadinanza. Infatti l'istituto di previdenza, con una mancanza di dialogo, potrebbe non venire a sapere che il beneficiario ha nel frattempo trovato lavoro o lo ha rifiutato per tre volte di seguito e non ha più diritto al sussidio.

Ma cosa manca affinché i centri dell'impiego possano funzionale al meglio? 

Mancano orientatori e psicologi, ma anche consulenti aziendali, informatici, mediatori culturali, impiegati amministrativi, che dovranno essere in grado di risolvere anche gli adempimenti di legge. Una situazione comune a tutti i Centri dell'impiego italiani.

E in Molise?

È ben noto che i tre Centri per l'impiego della regione svolgono attività di ordinaria amministrazione. In particolar modo gli utenti si recano per firmare la Did, la dichiarazione di immediata disponibilità a lavorare, oppure per la scheda anagrafica o compilare lo storico che serve per una eventuale assunzione. Secondo l'ultima statistica solo 3 persone su 100 riescono a trovare lavoro tramite i Centri per l'impiego. È una percentuale bassa che non incoraggia la visione futura di quello che dovrà essere il ruolo di questi enti con l'erogazione del reddito di cittadinanza. Soprattutto se si pensa al fatto che il numero degli addetti non è proporzionale al numero degli utenti, fino alle prossime assunzioni, che in Molise, secondo una stima pubblicata dal Sole 24 Ore dovrebbero essere 28.

Resta poi il dilemma della tempistica, infatti la selezione pubblica per il reclutamento di nuovo personale sarà affidato alle regioni e bisogna capire come si muoverà il Molise con la pubblicazione dei bandi per l'assunzione dei nuovi addetti.

MirIac

Mappa dei Centri per l'impiego
Sole 24 Ore