AUTO ESPLOSA A TERMOLI, IPOTESI DI NATURA DOLOSA - Molise Web giornale online molisano
ELENCO :: CRONACA :: TERMOLI
martedì, 09 ottobre 2018
Auto esplosa a Termoli, ipotesi di natura dolosa
Ternoli - Quattro auto a fuoco nella notte a Termoli, posteggiate davanti un palazzo di via Pertini, dopo l'esplosione di una Ford Fiesta, di proprietà di un noto pregiudicato, detenuto a Campobasso: le fiamme hanno distrutto tre auto, una Fiat Panda e una Peugeot 207 oltre alla Fiesta, creando panico e paura tra i residenti della zona; una quarta auto, una Alfa Romeo 156, è stata danneggiata dal rogo.
Erano le due di notte quando gli abitanti del posto sono stati svegliati dall'incendio. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco di Termoli: le fiamme sono state domate in poche ore, ma le squadre di pompieri sono rimaste sul posto fino alle 9 per effettuare la bonifica dell'area e condurre i primi accertamenti sulla natura del rogo; non si esclude che sia doloso. Sul caso sono in corso accertamenti degli agenti del Commissariato di Termoli. In zona è arrivata la squadra del Nucleo Investigativo Antincendi (Niat) proveniente dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco insieme alla Polizia scientifica.
 
Aggiornamento ore 09:00
L'esplosione che ha causato il danneggiamento di quattro auto parcheggiate in Via Pertini a Termoli, è di origine dolosa e riferibile alla criminalità locale: questa è la versione del Commissariato di Polizia, coordinato da Vincenzo Sullo. L'innesco, che ha causato l'esplosione non è stato ancora trovato ma i Vigili del Fuoco confermano che la Ford Fiesta, parcheggiata davanti al condominio, è andata distrutta a seguito di una forte esplosione. Il proprietario della Ford Fiesta sarebbe un pregiudicato termolese, attualmente detenuto presso il carcere di Campobasso. L'ipotesi dell'ordigno è avvalorata dal fatto che il tettuccio dell'auto esplosa è stata ritrovata sul terrazzo di un'abitazione. 

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate

  • Lo coglie un improvviso infarto, muore Carmine Schiavone Lo coglie un improvviso infarto, muore Carmine Schiavone
    E' morto nella sua abitazione Carmine Schiavone, ex boss dei Casalesi, a lungo collaboratore di giustizia. La causa del decesso sarebbe un infarto. Da alcuni anni era uscito dal programma di protezione per i pentiti. Fecero scalpore le sue dichiarazioni sul traffico e l'interramento dei rifiuti tossici nella Terra dei fuochi.  ...