"OLTRE LA FRONTIERA": SABATO 21 APRILE CON IL CENTRO "AFRA" DI LARINO LA TESTIMONIANZA DI MARISA GAROFALO E PAOLO DE CHIARA - Molise Web giornale online molisano
ELENCO :: CULTURA
La storia della testimone di giustizia Lea Garofalo attraverso il racconto della sorella Marisa e del giornalista Paolo De Chiara
"Oltre la Frontiera": sabato 21 Aprile con il Centro "Afra" di Larino la testimonianza di Marisa Garofalo e Paolo De Chiara
"Oltre la Frontiera": questo il titolo dell'evento organizzato dal Centro Culturale Afra che vedrà sabato 21 Aprile a Larino la presenza di Marisa Garofalo, sorella di Lea Garofalo, la testimone di giustizia uccisa dalla 'ndrangheta il 24 Novembre del 2009. Il ricordo e la coraggiosa testimonianza della donna che a viso aperto sfidò la 'ndrangheta vivono attraverso l'impegno quotidiano nel sociale di sua sorella Marisa. E così per l'intera giornata di sabato sono in programma tre incontri tra Larino e Santa Croce di Magliano. Protagonisti Marisa Garofalo e Paolo De Chiara, giornalista e scrittore che sulla vita e sull'esempio della testimone di giustizia nel 2012 ha scritto un volume intitolato "Il Coraggio di dire No. Lea Garofalo, la donna che sfidò la 'ndrangheta".
 
Si partirà proprio da Larino con un confronto con gli studenti in programma alle ore 9.00 di sabato nell'aula magna dell'Istituto Tecnico Agrario e Geometri San Pardo, con il coordinamento della docente Maria Giovanna Civitella.  Il viaggio di Marisa e Paolo proseguirà poi a Santa Croce di Magliano con l'incontro in programma alle 11.30 al liceo scientifico Raffaele Capriglione. Coordinerà la docente Rachele Porrazzo.
 
Infine alle ore 18.00 nella sala Freda del Palazzo Ducale di Larino  l'iniziativa pubblica dal titolo "Oltre la Frontiera", organizzata dal Centro culturale Afra e coordinato da Gianluca Venditti.
 
 

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate

  • "Piccole vite infelici" il primo romanzo del giovane Stefano Labbia
    "Aveva appena compiuto quarant’anni, e da tutti era soprannominato Caio Sano. Caio perché ricordava, seppur di origini toscane, un romano verace, sguaiato, contraddittorio e pigro. Sano perché si professava un ateo – che ce l’aveva col mondo intero – e dunque, secondo la sua coscienza, era uno dei...