IL 4 NOVEMBRE A LARINO: SI RINSALDA IL LEGAME TRA VECCHIE E NUOVE GENERAZIONI - Molise Web giornale online molisano
ELENCO :: CRONACA :: LARINO
domenica, 05 novembre 2017
Il 4 Novembre a Larino: si rinsalda il legame tra vecchie e nuove generazioni
Nel quarto anniversario della morte dell’indimenticato Gennaro Silvano, Medaglia d’Onore ai deportati nel lager nazisti, la sezione di Larino dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci, presieduta da Giuseppe Silvano, unitamente all’Amministrazione Comunale, ha celebrato sabato 4 Novembre la Giornata Nazionale dell’Unità d’Italia e delle Forze Armate, in ricordo del sacrificio dei larinesi caduti nelle due guerre mondiali.
Una celebrazione che, come ogni anno, ha visto uniti nel momento di raccoglimento e della riflessione le autorità civili, militari e religiose, gli studenti e il personale docente dell’istituto Comprensivo e delle scuole superiori della città, i rappresentanti del mondo dell’associazionismo, i reduci e le famiglie di tutti coloro che sono morti nell’adempimento del dovere di servitori dello Stato italiano. Tra i presenti alla commemorazione la famiglia di Antonello Amore, Vice Brigadiere della Guardia di Finanza deceduto il 31 Maggio del 1991 nel corso di un’operazione di servizio a Taurianova (RC).
Numerosi i cittadini che hanno preso parte al corteo che da Piazza Vittorio Emanuele si è diretto alla Basilica Cattedrale, dove il Parroco Don Costantino Di Pietrantonio ha officiato la Santa Messa  per i caduti di tutti le guerre.
A conclusione della funzione il corteo silenzioso si è nuovamente diretto in Piazza Vittorio Emanuele dove è stata deposta una corona di fiori ai piedi del Monumento ai Caduti realizzato nel 1927 dalla scultore larinese Vincenzo Puchetti;  un monumento simbolico attorno al quale si è rinsaldato il legame tra vecchie e nuove generazioni unite nel ricordo di quanti hanno combattuto e si sono sacrificati in nome di una società fondata sui valori della libertà e della pace tra i popoli.
Dopo l’inno nazionale intonato dal coro degli studenti dell’Istituto Tecnico Agrario e il solenne Inno al Silenzio suonato dal giovane studente Francesco di Ridolfo, sono seguiti gli interventi degli studenti, dei docenti e del Sindaco Notarangelo. Ribadito il significato della commemorazione del 4 Novembre attraverso le parole del Presidente della sezione frentana dell’Associazione Combattenti e Reduci il quale, nel corso del suo intervento, ha omaggiato Michelino Montagano, 96enne sopravvissuto al campo di sterminio nazista di Unterluss e tra gli ultimi testimoni viventi degli eventi tragici legati alla Seconda Guerra Mondiale, al quale il Comune di Casacalenda lo scorso Settembre ha conferito la cittadinanza onoraria. Tra i testimoni diretti della Seconda Guerra Mondiale anche il 93enne larinese Michelino Trivisonno, l’ultimo reduce ancora in vita della “Meglio Gioventù” larinese della quale resta vivo il ricordo, l’esempio e la testimonianza.
La commemorazione, come da tradizione, si è conclusa al Cimitero Comunale con la solenne deposizione di una corona di fiori all’interno della Cappella Militare, alla presenza di una delegazione familiari dei defunti e orfani di guerra.

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate

  • Venafro. Appiccava fuoco dopo il furto: arrestato giovane 21enne Venafro. Appiccava fuoco dopo il furto: arrestato giovane 21enne
    Aveva fatto irruzione nell'appartamento di un imprenditore di Venafro e dopo aver commesso un furto aveva dato alle fiamme alcuni locali per poi darsi alla fuga. Il responsabile, un giovane 21enne di Minturno, con la complicità di altre quattro persone, aveva commesso il reato un anno fa ed era stato sottoposto ad obbligo di dimora....