PRIMA SOSPESO DAL LAVORO PER DUE GIORNI, DOPO LINCENZIATO PER PRESUNTI ACCESSI SU FACEBOOK. IL DRAMMA DI UN OPERAIO DELLA VIBAC - Molise Web giornale online molisano
ELENCO :: CRONACA :: TERMOLI
mercoledì, 14 giugno 2017
Prima sospeso dal lavoro per due giorni, dopo lincenziato per presunti accessi su facebook. Il dramma di un operaio della Vibac

Un lavoratore della Vibac di Termoli, è stato prima sospeso per due giorni dopo aver pubblicato dei post, ritenuti offensivi per l'azienda su facebook e, successivamente, è stato licenziato per presunti accessi, durante l'orario lavorativo, sul noto social network. Lino Zambianchi, segretario regionale della Filctem - Cgil Molise, interviene alla vicenda: "Il diritto dell'azienda di disporre del destino di un padre di famiglia dovrebbe essere esercitato contestando violazioni gravi e verificabili. Ora, al di là del fatto dell'indimostrabilità degli accessi senza la geolocalizzazione resta incomprensibile il danno provocato all'azienda che non viene né menzionato, né descritto". Infine, Zambianchi annuncia che è in programma uno sciopero nei prossimi giorni.

 

 

 

 

 

In Evidenza

Ultimi Eventi

Ultimi Video

ELENCO VIDEO

Notizie Correlate

  • Spacciava droga, arrestato un 43enne nel centro storico del capoluogo Spacciava droga, arrestato un 43enne nel centro storico del capoluogo
    Detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. E’ questo il reato di cui deve rispondere un 43enne di origini pakistane, arrestato dalla polizia a Campobasso. Si è arrivati a lui grazie a indagini effettuate dalla Squadra Mobile e dalla Digos nel centro storico del capoluogo. Una volta accertato che a casa dell’uomo...