IZZO E LANZA: SIT-IN PER RIPARTO DEL FONDO NAZIONALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA DAVANTI GIUNTA REGIONALE - Molise Web giornale online molisano
ELENCO :: POLITICA :: ISERNIA
lunedì, 05 giugno 2017
Izzo e Lanza: Sit-in per riparto del fondo nazionale per la non autosufficienza davanti Giunta Regionale

In merito alla questione Fondi Non Autosufficienza 2015, Emilio Izzo di Isernia Domani e Nicola Lanza di Laboratorio Progressista comunicano che il prossimo venerdì 9 giugno, a partire dalle ore 10.30,  in Via Genova a Campobasso (sotto la giunta regionale) ci sarà un sit-in di protesta a sostegno dei disabili e delle loro famiglie che da tempo chiedono un incontro i vertici regionali.

"Il Governatore Frattura e l’assessore Facciolla, la giunta regionale nella sua interezza, - si legge nel comunicato - hanno il dovere di farsi trovare e di dare risposte direttamente agli interessati (non a mezzo stampa) in merito al programma regionale che sceglie di impegnare solo il 20% per i care giver (coloro che si prendono cura) delle somme stanziate dal Ministero del lavoro euro 2.691.00 (Fondo Nazionale per la Non Autosufficienza 2015 – programma 01.06.2016 -31.05.2017)".

A nome dei disabili, Izzo e Lanza, chiedono la verifica delle somme stanziate dal Ministero e che vengano date spiegazioni in merito alla gestione da parte degli Ambiti Territoriali Sociali degli anticipi erogati in servizi per il periodo 2016/2017.

"Riteniamo - dicono Izzo e Lanza - che un diverso riparto delle somme stanziate dal Ministero possa meglio tutelare le famiglie e i portatori di disabilità gravi e molto gravi, su questo specifico punto, “programma di spesa giugno 2016 – maggio 2017 e giugno 2017- maggio 2018”, facciamo appello alle istituzioni regionali, il governatore Frattura, al fine di accogliere le richieste di una diversa programmazione di spesa già evidenziate con mozioni consiglieri, petizioni popolari, interrogazioni, atti, comunicati stampa, articoli a mezzo stampa sistematicamente ignorati. Al fine di garantire la tutela costituzionale del diritto alla salute, - continuano - così come recita l’articolo 32 della costituzione, un diritto complesso che si esplicita in una situazione di benessere psico-fisico inteso in senso ampio con cui si fa riferimento al bene “salute” che si traduce, anche, nella tutela costituzionale dell’integrità psico-fisica dei disabili gravi e gravissimi , i quali hanno diritto a vivere nella migliore condizione possibile. Chiediamo ai consiglieri regionali, ai sindaci, ai consiglieri comunali, alle associazioni, ai comitati per il NO alla riforma costituzionale, ai forum della sanità e della tutela della salute, ai singoli, di rendersi parte attiva, assicurando la loro presenza Venerdì 9 giugno alle ore 10.30 presso la sede della giunta regionale. Nella stessa mattinata, - concludono - conferenza stampa di presentazione del Comitato voluto fortemente dalle famiglie e che prenderà corpo per l’impegno deciso di una madre coraggio". 

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate