ROCCAVIVARA: IDEA PROGETTUALE PER MINORI MIGRANTI NON ACCOMPAGNATI. IL COMITATO CIVICO DICE NO AL CENTRO SPRAR - Molise Web giornale online molisano
ELENCO :: CRONACA :: BASSO MOLISE
giovedì, 30 marzo 2017
Roccavivara: idea progettuale per minori migranti non accompagnati. Il Comitato Civico dice No al centro Sprar
È stato dato ieri il via libera definitivo dell'Aula della Camera alle norme volte a proteggere i minori stranieri non accompagnati. Il testo, in base al quale i bambini e i ragazzi non ancora maggiorenni che arrivano in Italia senza una famiglia non potranno essere respinti ma avranno gli stessi diritti dei loro coetanei dell'Unione Europea, è stato approvato a Montecitorio con 375 voti a favore, 13 contrari (la Lega) e 41 astenuti. Propio in base a questo il sindaco di Roccavivara, Franco Antenucci, ha deciso insieme alla sua amministrazione di lavorare al progetto di un centro Sprar per minori non accompagnati da ospitare in una struttura pubblica. Un progetto che, a detta del primo cittadino, potrebbe garantire a questi giovani migranti che arrivano senza famiglia, gli stessi diritti dei giovani europei.  Gli amministratori, infatti, ritengono che sia anzitutto un discorso umanitario, di accoglienza e di collaborazione con il Governo.
Non sono d'accordo con questa idea i cittadini di Roccavivara che hanno aderito al Comitato Civico "No Sprar", i quali in un comunicato inviato agli organi di stampa lamentano il fatto che il sindaco non "ha chiesto il parere di chi vive la realtà del paese e senza porsi alcuna domanda sulle ripercussioni sul contesto sociale quale quello di un piccolissimo comune. Un gruppo di cittadini,  unitamente al gruppo "Roccavivara Oltre", - scrivono ancora dal Comitato - ha deciso di raccogliere le firme per dire no all’apertura di un centro SPRAR. Un "NO" a quell'idea che già dalle premesse si mostrava disorientata e indefinita. Il gruppo "Roccavivara Oltre", a questo punto, seguito da numerose persone con idee eterogenee, ha deciso di farsi promotore del Comitato Civico insieme a quanti vorranno farne ancora parte garantendo, con una raccolta di firme, il proprio “NO”. Una sottoscrizione che sarà pronta nel momento in cui l’amministrazione decidesse, così come era stato sbandierato da più fonti autorevoli a partire dal sindaco fino a diversi consiglieri di maggioranza, di presentare un progetto non condiviso da tutta la popolazione".
Il primo cittadino Antenucci, dal canto suo ritiene che l'idea di accoglienza che vorrebbe portare avanti può avere anche aspetti positivi per il paese e il progetto che ancora non è pronto potrebbe essere presentato entro il 30 settembre 2017.

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate

  •  Montenero di Bisaccia:Frana lungo la Montenero di Bisaccia:Frana lungo la "Frentana", danni alla condotta idrica
    Si è attivata una frana lungo la Strada Provinciale "Frentana" che ha provocato una rottura alla condotta idrica principale di Montenero di Bisaccia. Il Comune di Montenero di Bisaccia ha provveduto ad avvisare la popolazione e ha chiuso al traffico la strada che conduce dalla zona Bivio al Santuario della Madonna di...