BORGHI D'ECCELLENZA MOLISE ESPRIME SCONCERTO PER LE NUOVE VIGNETTE DI CHARLIE HEBDO - Molise Web giornale online molisano
ELENCO :: NEWS
sabato, 04 febbraio 2017
Borghi d'Eccellenza Molise esprime sconcerto per le nuove vignette di Charlie Hebdo
Riceviamo e pubblichiamo la nota dell'associazione Borghi d'Eccellenza che esprime sconcerto per le nuove vignette pubblicate sul numero di Charlie Hebdo di questa settimana. 
 

"Charlie Hebdo, ci riprova ed ancora pubblica, c’era da aspettarselo. Un giornale “satirico“ che gioca con “la morte“, con “le disgrazie“, salvando dalla satira l’attentato che lo vide subire suoi morti, non è un giornale satirico ma un giornale che massacra gli altri per poter non subire lo scotto di una sconfitta per le perdite di vendita e di affetto da parte dei suoi lettori, per lo più francesi. E’ palese che trincerarsi dietro la satira, di pessimo gusto, è da perdenti e da ipocriti della matita che, spesso, uccide più delle sventure . Dopo la risposta alle polemiche sulle (audaci) vignette pubblicate da Charlie all’epoca del terremoto di Amatrice, anche questa volta il settimanale satirico francese non è rimasto a guardare. E così, un nuovo polverone - a causa dell’ormai famoso disegno (anch’esso audace) con la morte sugli sci -, con una nuova reazione pubblicata sul numero in edicola questa settimana. Anche in questo caso, la redazione di Charlie ha dimostrato di sapere come si colpisce nel vivo l’orgoglio del “nemico”, artatamente scelto in altri ambiti, per paura di altri attentati, decidendo di riportare alcuni commenti ricevuti da altrettanti “lettori” italiani. Altra mossa per sentirsi osannati dal populismo di chi pensa di essere di una finezza spietata e crudelissima, nel sbatterli sul giornale due settimane dopo la polemica e rimarcare che in Italia non si sa far satira, dimenticando che la satira nasce proprio nella Nazione più bella del Mondo, sia in termini di bellezza che in termini di Cultura. E tutto questo facendo trapelare la ns inopportuna antipatia del popolo francese dichiarato nazionalista e poco incline ad essere partecipe comune nelle scelte europeiste e che il giornale non rappresenta la Francia ed i Francesi. Beh, affermazioni sottintese che non rendono giustizia ad un giornale di bassa cultura e di grande propensione razzista e fascista, senza dubbio alcuno. Da qui la telefonata del corrispondente francese con una mensione sulla ironia tutta italiana e la pubblicazione del commento di Maurizio Varriano che, ha scatenato la redazione per una interpretazione goliardica del “ vi facciamo vedere noi italiani “, sé non la smettete vi faremo governare da Grillo e Salvini in aggiunta a Berlusconi e Renzi. E da li, la paura ha fatto novanta ed, al di la di commenti decisamente forti, come l’Italia con la Francia ai Mondiali, Borghi d’Eccellenza 1, Charlie Hedbo 0. E la risposta viene da sé: E’ giusto indignarsi per la satira di cattivo gusto, ed alla domanda : ma perché continuiamo a confondere Charlie con i francesi? La risposta viene spontanea. Charlie rappresenta quella grande massa di Francesi che pensano di essere multietnici e democratici ma che, per parlare di Unità e Democrazia, usarono la Ghigliottina. Meglio la satira ridente che quella stridente. Insomma, campanilisticamente, l’Italia è sempre l’Italia".

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate

  • Toro. Denunciato serbo per furto di monili e preziosi in un'abitazione Toro. Denunciato serbo per furto di monili e preziosi in un'abitazione
    I Carabinieri della Stazione di Toro (CB), nell’ambito dell’attività di contrasto ai reati contro il patrimonio, hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Campobasso un 46enne di origini serbe  e senza fissa dimora per il reato di furto. A conclusione delle indagini, l'uomo già noto alle forze...