SFRATTI: IN MOLISE NESSUNA EMERGENZA ANCHE SE SONO SEMPRE PIù LE CASE SFITTE O INABITATE, MA INTANTO SI CONTINUA A COSTRUIRE - Molise Web giornale online molisano
ELENCO :: CRONACA :: CAMPOBASSO
martedì, 26 gennaio 2016
Sfratti: in Molise nessuna emergenza anche se sono sempre più le case sfitte o inabitate, ma intanto si continua a costruire
di Laura D'Ambrosio
È allarme sfratti in tutta Italia. A lanciarlo è il Viminale nel suo ultimo rapporto concernente i dati relativi alle richieste di esecuzione presentate all’Ufficiale Giudiziario e agli sfratti effettivamente eseguiti nel 2014.
La media in tutto lo Stivale è di almeno 100 sfratti al giorno e una delle cause principali è la morosità incolpevole di coloro i quali, vittime della crisi sempre più spesso non riescono a rispettare la scadenza per il pagamento perché licenziate o perché la loro attività è fallita. Dall’altra parte, però, si continua a speculare visto che la cementificazione selvaggia non sembra arrestarsi con il risultato che sempre più case restano invendute, per non parlare degli altrettanti immobili sfitti. 
Nonostante il mercato immobiliare abbia notevolmente abbassato i prezzi e si moltiplicano le possibilità di aver accesso a mutui con tassi sempre più agevolati, sono pochi quelli che mirano all’acquisto perchè la maggior parte preferisce andare a vivere in affitto seppur con serie difficoltà di arrivare a pagarlo a fine mese. 
Infatti, sono in tutto 36mila i nuclei familiari ad aver materialmente subìto uno sfratto, 150 mila le richieste di esecuzione e 77mila i provvedimenti emessi per intervento dell’Ufficiale giudiziario, secondo una media di uno ogni 334 famiglie.   
In Molise, in particolare, non si registra un vero e proprio allarme. Tuttavia, è importante sottolineare che se si opera un raffronto con i dati riferiti all’anno 2013 la nostra regione è tra quelle dove si registra un incremento dei provvedimenti di sfratto emessi pari al + 86,1%, ma che rispetto alla media nazionale ha un peso minimale dello 0,2%. Per quanto concerne, invece, le richieste di esecuzione la percentuale di queste in Molise, rispetto al dato nazionale, è di poco più alta (0,6%). Mentre l’incidenza percentuale degli sfratti effettivamente eseguiti tramite l’Ufficiale giudiziario sempre rispetto al totale nazionale è comunque basso, pari allo 0,4% per un totale di soli 160 avvii a procedere. Un dato davvero positivo questo, visto che colloca il Molise al secondo posto, subito dopo la Basilicata (63), per il numero più basso di sfratti eseguiti.
Per quanto concerne, invece, le province: Isernia si classifica prima rispetto alle altre città italiane con soli 30 provvedimenti di sfratto emessi contrariamente a Campobasso che invece ne registra 130. Mentre, è inverso il rapporto uno sfratto/famiglie nell’isernino rispetto a quello del capoluogo che è più basso, rispettivamente di 728 e 1220. 
Pertanto, in Molise nonostante non si registri una particolare emergenza sfratti lo spopolamento sembra, invece, rappresentare sempre più una vera e propria piaga. Basta addentrarsi nei numerosi centri storici presenti in regione, per accorgersi di quante case risultino disabitate, sfitte o in condizioni di totale inagibilità. Eppure si continua a costruire. A Campobasso, ormai ex città giardino, il consumo di suolo per la costruzione di edifici a uso abitativo sembra aumentare a vista d’occhio e a volte lo si ricava anche dove non c’è, anche sacrificando spazi destinati al verde per, parafrasando Celentano, “costruire case su case, catrame e cemento”.    
 

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate

  • Vasto - Arrestato stalker termolese Vasto - Arrestato stalker termolese
    Vasto - Continue e ripetute pesanti avance telefoniche non corrisposte a partire dallo scorso febbraio cui fatto seguito minacce persino nei confronti del figlio minorenne. Per queste ragioni gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Vasto, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere...