PNRR, ECOSISTEMI DELLA INNOVAZIONE: NUOVO FONDO PER IL SUD - Molise Web giornale online molisano

PNRR, Ecosistemi della innovazione: nuovo fondo per il Sud

“Con l’apertura delle candidature per gli ECOSISTEMI DELL’INNOVAZIONE si apre una nuova fase di sviluppo e riqualificazione dei contesti urbani marginalizzati del Sud. Fino al 12 novembre sarà possibile partecipare alla manifestazione d’interesse per la candidatura di progetti che prevedano la collaborazione tra università, centri di ricerca, settore privato, società civile e istituzioni rivolti allo sviluppo di idee e soluzioni innovative.

La particolarità di questa misura risiede nel voler promuovere progetti che tengano insieme il valore innovativo e la riqualificazione e rifunzionalizzazione dei siti nei quali saranno realizzati.: ex aree industriali, edifici storici, fabbricati senza una specifica funzione potranno trasformarsi in luoghi di ricerca e sperimentazione dove impresa, università e amministrazioni lavorano insieme.”

Lo afferma il senatore Castaldi, componente della Decima commissione Industria, Commercio e Turismo del Senato della Repubblica.

“Il bando - pubblicato dall'Agenzia per la Coesione territoriale -è il primo atto in direzione della realizzazione di uno degli obiettivi previsti nel PNRR”, -continua il senatore Castaldi- “ossia la promozione di 'campioni' di ricerca & sviluppo: viene finanziato con risorse comprese nel Fondo complementare pari a 350 milioni di euro (suddivisi in 70 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2022 al 2026), interamente riservate a contesti urbani marginalizzati delle regioni meridionali.”

“La durata massima dei progetti-specifica il sen. Castaldi-non può superare i 36 mesi e l'ammontare dell'investimento può variare tra i 10 milioni e i 90 milioni di euro, che potranno essere coperti anche totalmente dal finanziamento statale. Le voci di spesa potranno riguardare fabbricati e terreni che ospiteranno il progetto, trasferimento tecnologico e alta formazione, recupero, ristrutturazione, riqualificazione e ampliamento degli immobili, acquisto di macchinari, strumenti e attrezzature, con i collegati diritti di brevetto, licenze o altre forme di proprietà intellettuale. “

E, infine, una sorta di appello:” con gli ECOSISTEMI DELL’INNOVAZIONE sarà possibile ottenere per il territorio benefici sia economici che sociali. C’è tempo fino al 12 novembre 2021.”