Magnolia, altra trasferta complicata: rossoblu nella tana dell'Empoli

La prima fermata di un ciclo di gare che potrebbero dare una conformazione più definita alla classifica dei  #fioridacciaio prima della sosta per le qualificazioni agli Europei di basket femminile in programma il  prossimo anno in Francia e Spagna. Per La Molisana Magnolia Campobasso la prospettiva domenicale del  quarto turno è quella della trasferta (la terza in quest’avvio di stagione) in casa di un’Empoli che ha sì gli  stessi punti in classifica delle rossoblù (due), ma che – come le magnolie – ha dovuto fare i conti con un  calendario per nulla semplice, riuscendo però a mettere a lungo in difficoltà in esterna due big del calibro  di Schio e Ragusa.  

Le toscane rientrano in quella cerchia di club contro cui le rossoblù non sono mai  riuscite a trovare un referto rosa. Nella prima stagione della società campobassana in A2 (2017/18) la truppa di  coach Mimmo Sabatelli cedette sia a Vazzieri (51-53 con il canestro decisivo per le ospiti arrivato a fil di sirena)  che in terra toscana, motivo in più per provare ad invertire una serie. «Cedemmo per un episodio – ricorda lo stesso Sabatelli – dopo aver dato vita ad una gara di tutta sostanza e  sfiorato quasi un’impresa. Ma parliamo di stagioni differenti e gruppi diversi. Con certezza, Empoli, in questi  anni, ha fatto qualcosa di importante e dimostrato di poter affrontare qualsiasi avversaria senza remore, così  come avvenuto peraltro anche in quest’avvio di campionato».  

Calendario alla mano, la trasferta empolese lancerà una sequenza di gare (le successive  saranno con Battipaglia in casa, poi a Sassari e, infine, tra le mura amiche con Broni) in grado di dare  un’indicazione più chiara sulle prospettive a medio termine del gruppo campobassano.  «Sarebbe sbagliato però – ammonisce ancora Sabatelli – ragionare in prospettiva. Dovremo fare un passo alla  volta. In questo momento i nostri pensieri devono essere tutti concentrati sulle toscane, formazione dalle qualità  non indifferenti che potrebbe renderci la vita molto difficile. La speranza è quella di poter essere al completo,  seppur nella consapevolezza di non essere fisicamente ancora al top a livello complessivo».  DETTAGLI TATTICI Nella fase di avvicinamento al match, per le magnolie c’è stata grande attenzione ai  particolari e, nello specifico, tutte quelle situazioni che avevano creato problematiche, soprattutto in difesa, nelle  prime tre sfide stagionali. «Ci siamo focalizzati sugli errori commessi – aggiunge il coach rossoblù – cercando di mettere in atto dei  correttivi e di far emergere le nostre regole».  

Aspetti non secondari nell’incrocio con le empolesi che, soprattutto sul perimetro,  possono contare su elementi del calibro dell’argentina Chagas e della statunitense Smalls.  «Loro sono senz’altro terminali di rilievo con tanti punti nelle mani – prosegue Sabatelli – ma anche Mathias e  Narviciute rappresentano degli elementi da tenere sott’occhio. Più in generale hanno a disposizione diverse  soluzioni, motivo in più per fare attenzione tenendo gli occhi ben aperti».  

In tal senso, a livello di piano partita, le priorità nell’agenda dei #fioridacciaio hanno una  declinazione legata al lavoro sotto il proprio canestro. «Dovremo cercare di limitare il loro gioco per non concedere canestri facili, cercando di non consentire loro di  raggiungere un ampio bottino, come avvenuto domenica scorsa con Venezia. Contemporaneamente, dovremo  avere la prontezza di creare loro delle difficoltà. Determinante sarà l’esecuzione dei singoli dettagli». 

La settimana di avvicinamento alla trasferta di Empoli ha peraltro portato con sé anche due  variazioni nello staff tecnico. A supportare il tecnico rossoblù Mimmo Sabatelli tra gli assistenti ci sarà Vincenzo  Di Meglio, mentre fungerà da preparatore fisico Walter Primavera. Di Meglio, già coordinatore del vivaio, entra ora a più stretto contatto con la prima squadra, forte di un  curriculum di tutto rilievo. Il tecnico campano prende il posto di Andrea Anzini, cui la società rivolge il proprio  ringraziamento per il lavoro svolto, formulandogli un caloroso ‘in bocca al lupo’ per il suo percorso di docente in  Lombardia, a Bergamo.  

Il venafrano Primavera, già nello staff delle nazionali giovanili azzurre maschili e femminili, subentra a Gianni  Colagiovanni, che il club ringrazia per il supporto dato al gruppo nel suo percorso di due stagioni con il team del  capoluogo di regione.  

La trasferta ad Empoli delle magnolie porterà le rossoblù sul parquet del  PalaSammontana nella terza domenica del mese di ottobre con palla a due alle ore 18 e direzione di gara affiata  al veronese Yang Yao, al pisano Marzulli e all’estense Ferrara. Il match, come la più parte dei confronti di A1,  sarà trasmessa in esclusiva diretta streaming sulla piattaforma lbftv.it. Sul sito web della Lega Basket Femminile,  invece, ci sarà il netcasting delle statistiche in real time.