Sport in Molise: chi sono gli eroi da ammirare?

Lo sport molisano non si ferma. In questo anno decisamente particolare, mentre gli occhi degli italiani restano puntati sul campionato di calcio, con la Juventus ormai lanciata verso l'ennesimo scudetto, pure nella nostra Regione si fanno i conti con la nuova stagione 2020/21 già alle porte.

Restando in ambito calcistico, il Campobasso guarda a settembre con ottimismo, pensando a un possibile salto di categoria con il ritorno nell'ambito del professionismo vero, dalla serie D alla serie C. La conferma delle ambizioni della squadra rossoblu passa anche dalle prime conferme importanti. Tra queste spicca il rinnovo del contratto con “Il Professore”, nomignolo con cui i tifosi hanno affettuosamente rinominato Pietro Cogliati.

L'attaccante lombardo classe 1992, di scuola Milan, ha trovato l'accordo per un'altra stagione in Molise: sarà la terza consecutiva per lui. Forte di 19 gol all'attivo e tanti assist decisivi, Cogliati tornerà quindi agli ordini di mister Cudini, grazie all'accordo siglato in questi giorni con il direttore sportivo Stefano De Angelis e il responsabile dell'area tecnica Luigi Mandragora. Il tutto mentre il club ha già annunciato un importante accordo di marketing: la firma dell'intesa con la Erreà per la fornitura di tutto il materiale tecnico per le prossime due stagioni.

Anche gli appassionati di calcio femminile hanno un’eroina locale da idolatrare: si tratta di Gloria Marinelli, nata ad Agnone nel 1998. L’attaccante molisana ha mosso i primi passi nell'Olympia Agnonese per poi, dopo essere passata da Perugia e Chieti, approdare all’Inter nel 2017. L’anno successivo ha vinto il campionato di Serie B con la maglia nerazzurra laureandosi miglior attaccante del torneo con 26 reti segnate. Nella sua prima stagione in Serie A ha segnato 6 reti in 16 partite dimostrando il suo elevato livello tecnico anche agli operatori sportivi come  Oddschecker, che fa pronostici sul calcio femminile e osserva il fenomeno con crescente interesse.

Ancora calcio, ma stavolta quello a cinque che vede il Molise contare su un forte seguito e tanta attenzione. Protagonista della stagione appena vissuta è stato il Circolo La Nebbia Cus Molise, con la squadra maschile in serie A2 e quella femminile in serie C. L'obiettivo per la prossima stagione è di proseguire il percorso complessivo di crescita per il club e le prime mosse annunciate sembrano proprio andare nella direzione giusta. Oltre alla conferma di Di Lascio e del bomber tascabile Michelino Marra, talento di razza e punto di riferimento del club di Bojano, alla corte dei bianco-rosso-blu arriverà infatti un molisano doc, Renzo Di Lisio. Per il classe 1994 nativo di Montagano si tratterà di fatto del battesimo del fuoco con il futsal. La sua storia calcistica è infatti quasi tutta scritta sui campi in erba a 11 giocatori con esperienze importanti in Italia e in Svizzera: soprattutto all'Ascona, dove ha potuto lavorare agli ordini di mister Maurizio Ganz; Cr Messina, Folgore Caratese e Capistrello le altre tappe in carriera prima dell'ultima stagione, nel calcio a 5, proprio a Montagano.

Dal calcio al basket. Menzione d'onore per le ragazze de La Molisana Magnolia Basket pronte a dare battaglia nel massimo campionato, la serie A1 di pallacanestro femminile. Entusiasmo alle spalle per i “fiori d'acciaio" che potranno così farsi valere contro le migliori avversarie di tutta Italia. La stagione è  già partita con il mercato estivo: in Molise è già sicura di arrivare Julie Nicole Wojta, messa sotto contratto per la gioia dei tifosi e soprattutto di coach Mimmo Sabatelli. Per affrontare la durissima concorrenza saranno fondamentali infatti l’esperienza e le capacità della 31enne, di ruolo naturale ala piccola, statunitense di 183 cm, con una carriera di tutto rispetto alle spalle tra Belgio, Spagna e Italia, dove è già stata prima a Lucca e poi a Broni. A farle compagnia un'altra new entry a stelle e strisce, l'ala pivot di 188 cm Samantha Marie Ostarello.

Fonte: Pexels

Chiudiamo la rassegna degli sport di squadra con la palla ovale, regno d’elezione degli Hammers Rugby Campobasso. La stagione in serie C è terminata con un piazzamento all’ultima posizione ma i ”martelli" sono pronti alla ripartenza e a picchiare duro più che mai.

Sono tanti anche gli atleti degli sport individuali che si sono fatti valere. Con tanti risultati positivi fatti registrare nell'anno solare 2019, foriero di buone notizie in diverse discipline.

È giovanissima ma nonostante questo può essere annoverata tra le grandi promesse del nuoto italiano: è Martina Lonati, nativa di Vogliono, che l'anno scorso si è laureata campionessa italiana nella categoria juniores sull'impegnativa distanza dei 400 metri stile libero. Notevole il tempo finale fatto registrare dalla nuotatrice della H2O Sport nelle vasche di Riccione, dove si tenevano i campionati: per Martina è arrivato un lusinghiero 4’15’’65.

 Fonte: Pxhere

Un altro squalo made in Molise è Pompeo Barbieri, di San Giuliano di Puglia e nuotatore  paraolimpico per la società Hidro Sport. Barbieri ha ottenuto il prestigioso riconoscimento di Cavaliere al merito della Repubblica italiana grazie a un doppio exploit ai campionati italiani che si sono tenuti a Bologna. Per Barbieri, classe 1994, è arrivata una doppia vittoria senza troppi patemi d'animo. Troppo forte il giovane molisano, primo assoluto sia nei 50 metri che nei 100 metri stile libero.

Infine da ricordare anche il terzetto terribile del canottaggio di Termoli. Agli Europei disputatesi nel varesotto nell’ottobre 2019 è arrivata una medaglia d'oro grazie a Giusy Fatima Pia De Sanctis, nella disciplina a sedile fisso ‘4 di punta’. Due argenti invece per Noemi Carotenuto, categoria ‘Jole A4’ femminile, e Giulia Giacomodonato, nella ‘Jole A4’ juniores femminile.

Risultati di tutto rispetto insomma per una Regione dove lo sport e la vita all'aria aperta sono un motivo di vanto a livello nazionale oltre a uno stimolo a fare sempre meglio!