Down Tour 2019 continua il suo viaggio e fa tappa a Campobasso

(fonte video pagina facebook AIPD Campobasso)
 
Il Down Tour di AIPD è partito il 21 marzo quando a Piazza del Popolo a Roma e in contemporanea in altre città italiane tra cui Campobasso, c'è stato un flash mob per richiamare l’attenzione sulla presenza delle persone con sindrome di Down, sul loro diritto ad essere riconosciuti cittadini come tutti e a non lasciare indietro nessuno. 
L'iniziativa nasce per festeggiare i 40 anni dell'Associazione Italiana Persone Down e come si legge sul sito ufficiale dell'Associazione "dal 1979 a oggi, le persone con sindrome di Down sono lentamente e gradualmente 'uscite allo scoperto', fino ad essere in alcuni casi pienamente inserite nel contesto scolastico, sociale e lavorativo. Sono i 40 anni trascorsi dalla nascita dell’Associazione Italiana Persone Down, che ha accompagnato, sostenuto e incoraggiato questa storia di emancipazione e conquista di autonomia e cittadinanza [...]. Prima della nascita di AIPD 40 anni fa, in Italia si tendeva a nascondere allo sguardo degli altri le persone con la sindrome di Down, che in molti casi vivevano in istituti, non avevano accesso alle scuole e al mondo del lavoro. AIPD in 40 anni ha mostrato che queste persone sono persone a tutto tondo, con le loro potenzialità, inclinazioni, difficoltà, speranze. E ha indicato ai bambini, agli adolescenti e agli adulti con sdD e alle loro famiglie nuovi coraggiosi percorsi di inclusione, di autonomia, di indipendenza".
Partendo proprio dalla capitale oggi 14 giugno il camper del Down Tour è arrivato a Campobasso dove rimarrà fino a domenica 16 giugno. L'obiettivo è quello di portare anche a Campobasso, come in tutte le città italiane che hanno aderito all'iniziativa, diritti, risultati e nuovi traguardi delle persone con sindrome di Down. Diverse le iniziative che in questi tre giorni si svolgeranno in Piazza Municipio, tra cui laboratori, momenti dedicati all'arte, alla magia, alla musica e alla danza.
Il Down Tour dopo Campobasso arriverà a Potenza, per poi fare tappa in altre città italiane, fino al 13 ottobre quando  tornerà a Roma.