Campobasso. La Consulta femminile del Comune traccia un bilancio delle attività svolte

Durante un incontro con la stampa è stato fatto il resoconto delle attività svolte dalla Consulta femminile del Comune di Campobasso. A tracciare un bilancio è stata la Presidente Teresa D'Alessio la quale ha inoltre spiegato che la Consulta, promossa e voluta dall’Amministrazione del Sindaco Battista, si è insediata il 5 luglio 2018 con lo scopo di favorire la più ampia partecipazione alle decisioni amministrative riguardanti la vita delle donne nella città di Campobasso. L'organo ha inoltre promosso la più ampia conoscenza e il più ampio dibattito rispetto alle tematiche di genere e di pari opportunità e ha espresso pareri sulla programmazione comunale e sugli atti deliberativi che hanno diretta ricaduta sulla vita delle cittadine e dei cittadini campobassani.

Diverse le attività portate avanti in questi 10 mesi a partire dalla partecipazione al primo Molise Pride che si è tenuto lo scorso 28 luglio, dimostrando anche solidarietà all'Arcigay dopo gli attacchi subiti. A novembre poi la Consulta si è impegnata nell'organizzazione di una serie di eventi a contrasto della violenza sulle donne. Con lo slogan 'Nessuna violenza, nessun violento, sono state organizzate una serie di iniziative, culturali, sportive e di formazione che sono confluite nella giornata finale del 25 novembre quando è stato inaugurato il parco adiacente l'ex Romagnoli e le due panchine, una rossa, donata dall'AIGA e una colorata, donata dalla FIDAPA. A febbraio 2019 invece un incontro, organizzato da ActionAid, per parlare delle mutilazioni genitali femminili, mentre a marzo una serie di iniziative legate alla figura della donna per ricordare l'8 marzo.

"È stato un lavoro di squadra - ha commentato la Presidente D'Alessio - molto importante perchè talvolta noi donne abbiamo difficoltà a fare rete, ma è stata un'occasione per lavorare insieme e che ci ha particolarmente unite".

Da statuto la consulta viene congedata a termine della legislatura e con la nuova amministrazione dovranno essere rieletti il presidente e il vicepresidente.