Campobasso. Assume droga a scuola e si sente male

Nella mattinata di ieri, 18 gennaio, una studentessa del secondo anno di un istituto superiore di Campobasso, dopo aver assunto sostanza stupefacente, cedutegli da un suo compagno maggiorenne, si è sentita male a scuola. 

Allertati i sanitari del 118, la ragazza, in stato di semi incoscienza è stata trasportata in ospedale, dove è stata sottoposta ad esami tossicologici, risultati negativi. Sia la giovane che i professori che l’avevano soccorsa, confermavano tuttavia la circostanza che il grave malore era dovuto all’assunzione di stupefacente leggero avvenuta all’interno dell’istituto scolastico.

Dopo l'episodio gli agenti della Polizia di Stato di Campobasso, che hanno sentito la ragazza e diversi testimoni, hanno eseguito una perquisizione domiciliare a carico del ragazzo maggiorenne, accusato dalla giovane di avergli ceduto della droga leggera. Durante la perquisizione, i poliziotti, aiutati dalle unità cinofile della Guardia di Finanza hanno rinvenuto nell'abitazione del giovane banconote da 20 euro false. Il ragazzo è stato deferito all'Autorità Giudiziaria per spendita e introduzione di monete falsificate e sono in corso approfondimenti sulle circostanze della cessione di droga.

Gli elementi raccolti hanno tuttavia fatto emergere un nutrito giro di adolescenti  che, mettendo assieme il denaro destinato all’acquisto dello stupefacente, provvedono a commissionare la consegna tramite siti web schermati (DARK WEB), arrivando a spendere cifre tra i 300 e i 500 euro. Importi notevoli, nella disponibilità di adolescenti, nonostante la giovane età.