Disabilit√†. Comitato Uguali, ‚Äú√ą inaccettabile che Romagnuolo parli di disabili‚ÄĚ

di Miriam Iacovantuono

Dopo le dichiarazioni di Aida Romagnuolo, in merito alla richiesta al governo regionale di erogare più soldi per i disabili altrimenti è pronta a non votare il bilancio, interviene Nicola Lanza di Laboratorio Progressista, associazione che, insieme ad altre, ha aderito al Comitato Uguali, che ha come obiettivo quello di battersi per i diritti dei disabili.

Ricordiamo che il Comitato Uguali è nato a giugno 2017 con l'adesione di diverse associazioni del territorio molisano. A fare da capofila Isernia Domani, con il portavoce Emilio Izzo e Laboratorio Progressista con Nicola Lanza.  Dal 9 giugno 2017, quando il comitato è stato presentato ufficialmente, grazie all'azione  di questo gruppo di associazioni si è riusciti a portare avanti diverse iniziative e promuovere incontri istituzionali con il governo precedente per l'ottenimento di diritti ai disabili.

Lanza a Moliseweb ha dichiarato che considera inaccettabili le dichiarazioni fatte dall’esponete della Lega. "Aida Romagnuolo - ha commentato Lanza - non l’abbiamo mai vista in questi mesi su questi temi, oggi diventa inaccettabile mettersi sempre in prima fila su temi e questioni di importanza vitale per una parte di cittadini e per una parte di cittadini deboli come sono i disabili in questa Regione”. Secondo il rappresentante del Comitato, infatti, non si può fare politica o incentrare beghe interne alla maggioranza o alla Lega Molise, su un tema delicato come quello della disabilità.

Una dichiarazione arrabbiata quella di Nicola Lanza rispetto al modo di fare politica di una parte della classe dirigente. Secondo il rappresentante di Laboratorio Progressista bisognerebbe frequentare le associazioni che si occupano di disabili e le famiglie che ogni giorno vivono il dramma della disabilità per capire un tema su cui dovrebbero stare dignitosamente in silenzio. "Rispetto a queste cose manca un confronto. Con l’amministrazione precedente, con l’ex assessore Facciolla – ha ricordato Lanza - è stato fatto un lavoro grazie anche soprattutto al confronto. Le nuove disposizioni fatte con la legge attuale sono venute fuori anche grazie al nostro aiuto e se i disabili caregiver oggi hanno potuto usufruire del contributo (200mila euro in tutto, erogati da una delibera della precedente amministrazione regionale ndr) è stato anche grazie a noi, al Comitato Uguali, grazie anche al confronto che abbiamo avuto con il precedente governo. Un confronto che anche grazie alle nostre proposte ha portato alle disposizioni attuali per quanto riguarda i contribuiti che spettano ai disabili".

Su questo Lanza ha espresso soddisfazione perché così il piano dell’FNA è andato nella direzione giusta, a dimostrazione che il dialogo con le istituzioni serve per risolvere i problemi che i cittadini in generale possono vivere ogni giorno.

“Ora – ha continuato -  è cambiato il governo regionale e tutto si è fermato e nonostante questo i consiglieri di maggioranza si permettono anche di fare i paladini dei disabili quando con loro non hanno mai pensato di avere un raffronto. Sulla disabilità il dialogo si è interrotto nel momento in cui l’attuale maggioranza è andata al governo”.

Su questo tema la continuità con il governo precedente non c’è e il messaggio del Comitato Uguali è quello di non giocare su un tema delicato come quello della disabilità.