La Romagnuolo sfida Toma e la maggioranza: "Più soldi per i disabili molisani altrimenti non voterò il bilancio"

Clima sempre più incandescente per il prossimo consiglio Regionale. Non sembrano calmarsi gli animi all'interno della maggioranza di centrodestra alla Regione. La capo gruppo Aida Romagnuolo manda una "frecciatona" al Presidente Toma, con lo scopo ben preciso di fare chiarezza all'interno della maggioranza,  quasi sottintendendo che lei non fa riferimento all'Assessore Luigi Mazzuro, come vorrebbe Toma, ma solo al Segretario della Lega Matteo Salvini.

"Come ho più volte detto durante la mia campagna elettorale in occasione delle scorse elezioni regionali, soprattutto i cittadini con esigenze particolari e speciali, cioè i disabili, si aspettano molto da questo governo regionale a guida Toma, un governo regionale che deve per davvero essere e rappresentare il governo del cambiamento, il governo che vuole e deve migliorare la qualità della vita delle persone e renderla meno difficile. Sono del parere, che nella nostra Regione, se come consiglieri regionali siamo compatti e uniti unitamente anche alla minoranza, sicuramente riusciremo a fare e dare molto di più ai disabili molisani, agli anziani, ai non autosufficienti" E’ quanto dichiarato da Aida Romagnuolo.

"La nostra Regione – ha continuato Romagnuolo – ha il dovere morale e umano di sostenere le famiglie, le associazioni e tutto il mondo che gravita intorno ad una realtà che nel Molise stenta ad essere definita normale. La Regione – ha ancora detto Romagnuolo – dovrà quindi destinare più fondi e notevole riguardo dovrà essere rivolto per i malati di SLA, per i centri diurni per disabili, per la residenzialità degli anziani, per i progetti di semiresidenzialità, per una prevista mini quota degli anziani in casa di riposo. Diversamente – ha concluso Romagnuolo – anticipo fin da ora che non voterò il bilancio".