#Francus. ORRORE!! al Giovin Toscano, ai "cielo stellato" e ai "celoduristi di una volta"

In quel tempo la politica gestita da persone che non lo avevano mai fatto. Queste persone rifuggevano gli usi ed i costumi politici sino ad allora sperimentati e si arroccavano su loro posizioni,  ritenendole giuste.

In un primo momento il loro essere tutto di un pezzo aveva fatto credere agli italici elettori, quei pochi che ancora andavano a votare, che si fosse trovata la pietra filosofale della politica e che tutte le ragioni fossero dalla parte del “cielo stellato”. Questo perché in un passato da poco passato un baldo giovine di Firenze aveva fatto credere che si potesse risolvere tutto, ma veramente tutto solo cambiando modo di pensare. Tolse le provincie e fu bocciato alle elezioni.

Ordunque giunsero quelli del “cielo stellato” proponendo redditi a tutti e per tutti, anche a chi non lavorava, con la promessa che avrebbe lavorato in un futuro più o meno prossimo, con un lavoro che gli trovava lo Stato, ma a non più di cento chilometri da casa. La sera mamma ci aspetta per cena.

Nella premessa della politica, una volta si chiamava campagna elettorale, quelli del “cielo stellato” avevano dato le colpe al giovin toscano ed ai suoi colleghi di partito, di aver salvato delle banche, alcune delle quali molto vicine agli amici del giovin toscano, con i soldi pubblici.

Cioè, vi rendete conto? Lo stato aveva usato dei soldi pubblici per fare in modo che risparmiatori non perdessero ulteriori soldi e che si salvassero posti di lavoro in un’economia tanto affranta.  ORRORE!! Avevano detto quelli del cielo stellato. Ma poi lo fecero anche loro con le banche liguri, utilizzando i soldi che aveva lasciato il governo precedente. Gentiloni non Renzi. Come avevano detto ORRORE!! Nella preparazione della lista dei desideri e delle cose, invece, reali, che ogni governo fa per fine anno. Nella “lista” che i dotti chiamavano DEF quelli del cielo stellato avevano inserito tutta una serie di “cetrioli futuri” per i cittadini, “cetrioli” che sarebbero nati, cresciuti e sviluppati, posteriormente alle elezioni europee di maggio 2019 e delle amministrative. Quindi i “cielo stellato”, insieme ai “celoduristi di una volta” avevano confezionato il pacco per gli italiani.

Oh, ma si doveva aspettare che arrivasse maggio 2019, e come?

I “celoduristi di una volta” si erano organizzati in maniera degna per un nuovo gioco sociale: “guarda il migrante che sbarca e che ti ruba l’aria da dentro i polmoni”. Con questo gioco stavano facendo credere agli italiani che tutti problemi fossero dati da migranti e non dalle inefficienze che avevano indotto nella gestione dello Stato. Stato che una volta tutelava i cittadini.

Ciao a tutti #Francus