Dissesto idrogeologico, il Molise tra le regioni con il 100% di Comuni a rischio

In queste ore si saprà la decisione del Consiglio dei Ministri in merito allo stato di emergenza richiesto dalle Regioni e quali saranno gli interventi garantiti dallo Stato per la lotta al dissesto idrogeologico. Ieri durante il question time alla Camera il premier Conte ha dichiarato che "il disegno di legge di bilancio prevede già il finanziamento per interventi strutturali contro il dissesto idrogeologico.  In un fondo del Ministero dell’Economia, come ho già anticipato, ci sono 900 milioni di euro per il triennio”.

La situazione è drastica e le tragedie degli ultimi giorni lo confermano, tra le Regioni, infatti si registra che in almeno nove il 100% dei Comuni sono a rischio idrogeologico e tra queste anche il Molise insieme a Valle D’Aosta, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Basilicata e Calabria. Ma la situazione non migliora nel resto di Italia dove la percentuale rimane comunque alta:  l’Abruzzo, il Lazio, il Piemonte, la Campania, la Sicilia e la Provincia di Trento con percentuali tra il 90% e il 100%. Il 91% dei Comuni italiani e oltre 3 milioni di nuclei familiari vivono in territori classificati ad alta pericolosità.

Secondo l'Ispra infatti oltre 7 milioni di persone vivono in territori vulnerabili; più di un milione risiede in aree a pericolosità da frana elevata e molto elevata e 6 milioni in zone a pericolosità idraulica nello scenario medio (alluvionabili per eventi che si verificano in media ogni 100-200 anni).