VERGOGNA A PALAZZO SAN GIORGIO: 100 BORSE LAVORO PERSE - Molise Web giornale online molisano
ELENCO :: POLITICA :: CAMPOBASSO
sabato, 20 ottobre 2018
Vergogna a Palazzo San Giorgio: 100 borse lavoro perse
È storia nota: nel periodo storico corrente una borsa lavoro, se pur temporanea e dal basso valore economico, può diventare un mezzo per far tirare un sospiro di sollievo ai tanti che sono stati messi con le spalle al muro dalla crisi economica. Semplici mezzi che ogni amministrazione comunale dovrebbe cercare di promuovere e favorire. Ma, nonostante tutto ciò, può accadere che un Comune dimentichi di rispondere al bando per ottenere i fondi da destinare in borse lavoro. È questo quanto accaduto a Palazzo San Giorgio e la denuncia giunge da Francesco Pilone, consigliere di Democrazia Popolare. Nello specifico il Comune non ha risposto ad un bando della Regione Molise volto alla presentazione di progetti per la realizzazione di opere e servizi di pubblica utilità. Il Comune, quindi, per ricevere la somma di 6500 Euro da destinare in borse lavoro avrebbe dovuto preparare e presentare un progetto ma ciò non è avvenuto.  "È un fatto gravissimo -commenta in una nota l'esponente della minoranza - Un atteggiamento che denota pressappochismo e negligenza. Ci aspettiamo spiegazioni in relazione a questo increscioso accaduto che preclude la possibilità di drenare risorse nella nostra città per politiche attive di sostegno al reddito. L'unica via d'uscita sarebbe la riapertura dei termini da parte della Regione. Auspico che ciò avvenga per il bene di tanti concittadini". Il consigliere, inoltre, ha presentato un'interrogazione urgente per conoscere le motivazioni di quanto accaduto. Non resta, quindi, che attendere le risposte. 

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate

  • Vertenza Molise, Petraroia assicura: pronti al confronto Vertenza Molise, Petraroia assicura: pronti al confronto
    "Generazioni di sindacalisti di CGIL-CISL-UIL formati e forgiati dalle esperienze di Mario Piscitelli,  Nicola D’Angelo, Peppino Lavalle, Antonio Montefalcone ed Elio Marcaccio, toccavano con mano  l’asprezza della trattazione delle vertenze presso le sedi regionali e provinciali del Ministero del  Lavoro in...