FABRIZIO ORTIS (M5S): ‚ÄúNOMINARE TOMA COMMISSARIO AD ACTA √® IMBARAZZANTE PER I MOLISANI‚ÄĚ - Molise Web giornale online molisano
ELENCO :: POLITICA :: REGIONE
martedì, 14 agosto 2018
Fabrizio Ortis (M5S): ‚Äúnominare Toma commissario ad acta √® imbarazzante per i molisani‚ÄĚ
 
Un problema, quello della sanità, sempre all'ordine del giorno soprattutto a seguito dei pareri contrastanti sulla nomina del commissario ad acta. È Fabrizio Ortis ad esprimere un pensiero sul tema e a indicare la posizione del M5S.
"Da anni a questa parte, in Molise assistiamo a un progressivo smantellamento della sanità pubblica in favore del rafforzamento di quella privata. Prima Iorio, per 12 anni, poi Frattura, per 5, ora Toma. Una perfetta unità di intenti da parte di politici locali che, sotto bandiere diverse, hanno badato ai propri interessi elettorali in barba ai bisogni reali del territorio in tema di cure e di salute. Solo nelle ultime settimane, il Molise è balzato alle cronache
nazionali per un presunto caso di malasanità che ha indotto il ministro della Salute Giulia Grillo a inviare gli ispettori, senza contare le indagini della magistratura. Ma sono anni ormai che la nostra regione paga lo scotto di una politica miope verso la sanità pubblica, funzionante troppo spesso a corrente alternata, al punto da costringere i pazienti molisani a evitare liste di attesa interminabili e a ricorrere a cure specialistiche rivolgendosi soprattutto ai privati convenzionati, lautamente foraggiati con i soldi dei cittadini. Di fronte a questo andazzo, diciamo no a un governatore-commissario ad acta come Toma, che in perfetta continuità con i suoi predecessori Iorio e Frattura – i quali, nel doppio ruolo, hanno dimostrato tutta la loro inconsistenza - continua nel disegno di appiattimento del sistema sanitario regionale rispetto a gruppi di interessi locali. Un modus operandi che finora ha prodotto, come risultato, un pessimo servizio per i cittadini sul territorio, nonostante tasse alle stelle e super ticket. Senza dimenticare il primo atto in materia del neo governatore, che ha pensato bene di intestarsi le chiusure dei punti di primo intervento di Venafro e Larino, creando preoccupazione e timori nei cittadini. La mozione votata dal Consiglio regionale nelle scorse settimane con cui l’assise autoproclama Toma a ricoprire anche il ruolo di commissario ad acta sulla Sanità è francamente imbarazzante. Ma siamo sicuri che il ministro Grillo saprà guardare ben oltre, nell’interesse dei cittadini e non di pochi. Perché la musica deve cambiare davvero".

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate