Il formidabile Frank a Campobasso

di Laura Venezia
Quando ero bambina, avevo paura del sangue. Sono diventata un medico. Avevo paura di raccontarmi, ho fatto la scrittrice. Dell’amore, non parliamo. Cos’è poi l’amore? E il cuore, cosa sa? Ritrovo me stessa nel libro di Michael Frank, I Formidabili Frank (Einaudi, 2018), vedo me stessa perché queste parole sono una qualità della visione. Michael Frank è un signore elegante, simpaticissimo e colto, uno scrittore ebreo americano che vive tra New York e Camogli-so che è innamorato del nostro Paese, chiacchiera con me in un italiano davvero impeccabile mentre scatto qualche fotografia e beviamo un moscatello parlando di Isaac Singer e di Proust.
Fin dalle prime righe “Per molto tempo ho avuto l’abitudine di mettermi ad aspettare alla finestra…”, le parole evocano in me il ricordo del proustiano “ Longtemps je me souis couché de bonne heure …”. Micheal Frank ribadisce che il suo libro non è un romanzo ma un memoir, una parola poco amata dagli scrittori italiani ma che è come uno scrigno, contiene tutto, la vita, l’amore, e soprattutto la paura. I formidabili Frank è la storia di una famiglia (troppa grazia per me che leggo e rileggo i Buddenbrook) e si costruisce con sinuosa lentezza intorno alla figura della zia sceneggiatrice a Hollywood, alla sua disperata eleganza d’arte e di vita, al suo essere donna senza figli e con uno smisurato amore per il piccolo Mike, nella cui infanzia lei si riversa “ come un fiume infinito”. Perché l’incredibile zia Hank è una vera artista, una che scrive per Jane Fonda e Paul Newman, e poi ama suo nipote più della vita stessa, più della sua stessa paura d’amare.
“ Crea bellezza tutte le volte che puoi” è il precetto di famiglia, la formula magica e un poco oscura che scende nel cuore del piccolo Mike trattenuto nell’orbita della zia magnetica come il sole. Cosa sa il cuore? Tutto o nulla, forse. Eppure Michael Frank dimostra che è nel ritratto di una famiglia, di chi ci vive accanto, che possiamo ritrovare noi stessi.

Photo Gallery Il formidabile Frank