STRADE PROVINCIALI TRASFERITE ALL’ANAS: ROMAGNUOLO PLAUDE AL PRESIDENTE TOMA E INDICA ALCUNI INTERVENTI PREVISTI DA TEMPO - Molise Web giornale online molisano
ELENCO :: POLITICA :: REGIONE
lunedì, 18 giugno 2018
Strade Provinciali trasferite all’Anas: Romagnuolo plaude al Presidente Toma e indica alcuni interventi previsti da tempo

“Un passaggio significativo e atteso da molto tempo che consentirà di migliorare le condizioni delle nostre strade assicurando le manutenzioni necessarie e interventi indispensabili per la viabilità del territorio” Così il consigliere regionale e capogruppo di Forza Italia, Nico Romagnuolo, plaude all'impegno del presidente della Regione, Donato Toma, relativo al passaggio di competenze di oltre 460 chilometri di strade di pertinenza delle Amministrazioni provinciali di Campobasso e Isernia che stanno per essere trasferiti all’Anas.

In attesa delle ultime procedure relative a tale intesa, Romagnuolo ha incontrato anche i tecnici della Provincia di Campobasso ricevendo assicurazioni per la rimozione dei cumuli di terra dalla strada di collegamento tra Casacalenda e la Bifernina. “Si tratta di un primo passo indispensabile – ha aggiunto il consigliere regionale – per dare nuova vita a una strada di grande importanza per il territorio, la Sp 159, che dal bivio di Lupara della Bifernina arriva a Casacalenda, alla stazione di Bonefro-Santa Croce e prosegue verso il bivio di Sant'Elia a Pianisi e Campobasso per poi ricongiungersi con la Statale 87”. L'esponente di Forza Italia ha evidenziato, inoltre, che l'accordo con l'Anas consentirà non solo di realizzare gli interventi di manutenzione sui tratti più dissestati e pericolosi ma anche di avviare il completamento di tale strada, finanziato e atteso da molti anni, necessario per migliorare i collegamenti dell'intero territorio.

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate

  • Giovani democratici: Il Senato approvi subito la legge per i reati ambientali Giovani democratici: Il Senato approvi subito la legge per i reati ambientali
    Nella scorsa settimana almeno due avvenimenti hanno richiamato l’attenzione pubblica sulla necessità di arginare l’onda dei reati ambientali in Italia. Le motivazioni della sentenza della Cassazione sul processo Eternit, infatti, hanno evidenziato, per l’ennesima volta, la palese inadeguatezza della normativa italiana...