Giro d'Italia delle donne che fanno impresa, domani tappa anche a Campobasso per l'undicesima edizione

Domani martedì 19 giugno la Camera di commercio del Molise a Campobasso ospita una tappa del road show itinerante il 'Giro d'Italia delle donne che fanno impresa', road show organizzato da Unioncamere insieme alle Camere di commercio e ai Comitati per l'imprenditoria femminile. L’appuntamento, a partire dalle ore 10.15, è dedicato a “Il ruolo delle imprese femminili nella crescita economica del Molise: iniziative e opportunità'”

I dati aggiornati al 31 marzo 2018 – che saranno diffusi – confermano l’importanza della componente imprenditoriale femminile nel nostro territorio. Infatti, se in Italia la media nazionale del tasso di femminilizzazione, è del 21,85%, in Molise sale addirittura al 27,92%. Le 9.834 imprese a guida femminile molisane scelgono in termini assoluti prevalentemente l’agricoltura (3.822 le unità produttive) e a seguire il commercio (2.106); in termini percentuali, però, l’incidenza più alta è appannaggio delle altre attività dei servizi (55,82%) e della sanità e assistenza sociale (41,49%). Sorprese anche per le imprese femminili under 35 e per le imprese femminili guidate da straniere.

Sarà presentata la prima edizione del 'Premio Impresa femminile della Camera di Commercio del Molise' che vuole attribuire un riconoscimento pubblico al lavoro svolto dalle imprese femminili molisane che abbiano raggiunto importanti obiettivi, apportando significative innovazioni e competenze, e che abbiano dato particolare lustro e prestigio al mondo femminile nel campo dell'imprenditoria. Il bando è stato appena pubblicato e rimarrà aperto fino al 20 settembre 2018.

Il bando e la modulistica sono al link:

https://www.molise.camcom.gov.it/it/imprenditoria-femminile-1

Invitalia offrirà ai partecipanti una panoramica sugli incentivi per fare imprese:

  • Resto al Sud: È l’incentivo che sostiene la nascita di nuove attività imprenditoriali avviate da giovani nelle regioni del Mezzogiorno. Le agevolazioni sono rivolte ai giovani tra 18 e 35 anni che: siano residenti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia al momento della presentazione della domanda di finanziamento, trasferiscano la residenza nelle regioni indicate dopo la comunicazione di esito positivo, non abbiano un rapporto di lavoro a tempo indeterminato per tutta la durata del finanziamento, non siano già titolari di altra attività di impresa in esercizio.

Possono presentare richiesta di finanziamento le società, anche cooperative, le ditte individuali costituite successivamente alla data del 21 giugno 2017, o i team di persone che si costituiscono entro 60 giorni (o 120 se residenti all’estero) dopo l’esito positivo della valutazione.

La dotazione finanziaria complessiva è di 1.250 milioni di euro.

Si possono avviare iniziative imprenditoriali per: produzione di beni nei settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura, fornitura di servizi alle imprese e alle persone, turismo.

Sono escluse dal finanziamento le attività agricole, libero professionali e il commercio.

Sono ammissibili le spese per la ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili, per l’acquisto di impianti, macchinari, attrezzature e programmi informatici e per le principali voci di spesa utili all’avvio dell’attività.

Il finanziamento copre il 100% delle spese ammissibili e consiste in: contributo a fondo perduto pari al 35% dell’investimento complessivo e finanziamento bancario pari al 65% dell’investimento complessivo, garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI. Gli interessi del finanziamento sono interamente coperti da un contributo in conto interessi.

L’Azienda Speciale SERM della Camera di Commercio del Molise è ente accreditato per i servizi di consulenza e assistenza di primo livello. Riceve su appuntamento dal lunedì al venerdì. Per info www.molise.camcom.gov.it

  • SELFIEmployment: Finanzia con prestiti a tasso zero piani di investimento inclusi tra 5.000 e 50.000 euro per l'avvio di piccole iniziative imprenditoriali, promosse da giovani NEET. È rivolto ai giovani che hanno una forte attitudine al lavoro autonomo e all’imprenditorialità e la voglia di mettersi in gioco. Per accedere ai finanziamenti bisogna essere: giovani tra i 18 e 29 anni, NEET (Not in Education, Employment or Training), cioè senza un lavoro e non impegnati in percorsi di studio o di formazione professionale, iscritti al programma Garanzia Giovani, indipendentemente dalla partecipazione al percorso di accompagnamento finalizzato all’autoimprenditorialità (misura 7.1 del PON IOG). I giovani possono avviare iniziative di autoimpiego e di autoimprenditorialità presentando la domanda nelle seguenti forme: imprese individuali, società di persone, società cooperative composte massimo da 9 soci. Sono ammesse le società: costituite da non più di 12 mesi rispetto alla data di presentazione della domanda, purché inattive, non ancora costituite, a condizione che vengano costituite entro 60 giorni dall’eventuale ammissione alle agevolazioni, associazioni professionali e società tra professionisti costituite da non più di 12 mesi rispetto alla data di presentazione della domanda, purché inattive.

Possono essere finanziate le iniziative in tutti i settori della produzione di beni, fornitura di servizi e commercio, anche in forma di franchising, come ad esempio: turismo (alloggio, ristorazione, servizi) e servizi culturali e ricreativi, servizi alla persona, servizi per l’ambiente, servizi ICT (servizi multimediali, informazione e comunicazione), risparmio energetico ed energie rinnovabili, servizi alle imprese, manifatturiere e artigiane, commercio al dettaglio e all'ingrosso, trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, ad eccezione dei casi di cui all’articolo 1.1, lett. c), punti i) e ii) del Reg. UE n. 1407/2013. Sono esclusi i settori della pesca e dell’acquacoltura, della produzione primaria in agricoltura e, in generale, i settori esclusi dall’articolo 1 del Regolamento UE 1407/2013.

  • Imprese a tasso zero: Ha l’obiettivo di sostenere, in tutta Italia, la creazione di micro e piccole imprese composte in prevalenza da giovani tra i 18 e i 35 anni oppure da donne di tutte le età. Le imprese devono essere costituite in forma di società da non più di 12 mesi, rispetto alla data di presentazione della domanda. Anche le persone fisiche possono richiedere i finanziamenti, a condizione che costituiscano la società entro 45 giorni dall’eventuale ammissione alle agevolazioni.

Prevede il finanziamento a tasso zero di progetti d’impresa con spese fino a 1,5 milioni di euro e può coprire fino al 75% delle spese totali ammissibili. Per il 25% residuo, si richiede il cofinanziamento da parte dell’impresa, con risorse proprie o mediante finanziamenti bancari. Sono finanziabili le iniziative per: produzione di beni nei settori industria, artigianato e trasformazione dei prodotti agricoli, fornitura di servizi alle imprese e alle persone, commercio di beni e servizi, turismo.

Possono essere ammessi anche progetti riconducibili a settori di particolare rilevanza per lo sviluppo dell’imprenditorialità giovanile, nella filiera turistico-culturale e relativi all’innovazione sociale.