Alessandra Salvatore chiede scusa per le politiche di Renzi, pronta a lasciare il PD?

di Francesco Bonomolo
 
Alessandra Salvatore assessore alle Politiche per il Sociale al Comune di Campobasso esordisce in un post su Facebook "Vi chiedo scusa". Le scuse sono rivolte agli elettori che, come lei, hanno creduto in Matteo Renzi.  Dopo averlo ascoltato nel corso della trasmissione condotta da Lucia Annunziata su raitre, la Salvatore dichiara: "Non ha mai pronunciato parole di auto-critica. Non ha mai chiesto scusa agli elettori che gli hanno dato un grande credito di fiducia, prima di abbandonarlo. Ancora oggi ha sostenuto che la colpa dei disastri, che si sono succeduti dal referendum costituzionale in poi, è della opposizione interna, che, a sua detta, ha aperto la strada a Salvini & co.". La forte critica dà evidenza della delusione dell'assessore nei confronti delle politiche del PD, dall' emigrazioni, alle lobby, dal lavoro precario alla scuola ed alle riforme costituzionali; l'assessore dichiara che Renzi è "in preda a delirio di onnipotenza".
Siamo alla resa dei conti, con la classe dirigente del PD sia Regionale che Nazionale - come affermato solo ieri dalla segretaria dimissionaria Micaela Fanelli -  che sembra ormai aver fallito. La Salvatore, notoriamente molto vicina al Senatore Roberto Ruta, ovvero il grande assente della recente assemblea Regionale, sembra prendere l'occasione in vista dell'assemblea Nazionale di Liberi e Uguali, occasione per passare al nuovo Partito che nasce alternativo rispetto al PD.
Così termina il post: "Ed allora, chiedo scusa io ai tanti cittadini ed ai tanti elettori che si sono sentiti traditi, abbandonati, insicuri, privi di prospettive vere, in affanno nella quotidiana sopravvivenza. Non siete voi sprovveduti. Siamo noi ad avere perso di vista voi, le vostre difficoltà, i vostri bisogni più profondi, le vostre paure. Qualcuno, tra noi, lo ha compreso e proverà a ripartire da lì, al netto dei deliri di onnipotenza".