NOTARANGELO SCONFESSA SE STESSO E IL SUO PARTITO SI INVENTA "LEGHISTA DI SINISTRA" - Molise Web giornale online molisano
ELENCO :: POLITICA :: LARINO
martedì, 12 giugno 2018
Notarangelo sconfessa se stesso e il suo partito si inventa "Leghista di Sinistra"
di Francesco Bonomolo
Quando in politica si tira troppo la corda succede quello che è giusto che accada: la corda si rompe.  A Larino si è assistito alle gesta e alle velleità di un don chisciotte della politica che, pur di vincere una sua battaglia personale, ha rinnegato tutto e di più. Parliamo del Segretario regionale del partito di Sinistra Italiana che, con la sua pomposa fascia, ingaggia una delle sue più brillanti performance politiche, candidando il fratellino in una lista capeggiata da un neo Leghista.
Spinto dalla rabbia di non essere in grado di ricandidarsi, ecco che il nostro don chisciotte si inventa "Leghista di Sinistra"; sicuramente fare il sindaco in un Comune come Larino  non è cosa facile, ma è anche vero che un segretario di un partito deve seguire quelle logiche politiche e quegli ideali che lui tanto rappresenta.
Ha dichiarato in un post su Facebook "Sono convinto che in questi 5 anni l'Amministrazione da me guidata abbia cambiato in meglio la città ed ha rappresentato - l'ormai atteso da decenni - primo momento di inversione della rotta." Il dato politico delle ultime amministrative comunali è discordante da quello dichiarato, visto che non vede nessun componente della ex maggioranza rieletto.
In politica si vince e si perde, ma non si può assistere a tanta incoerenza pur di addivenire ad una mera vendetta. Mi aspetto, per come lo conosco, le sue dimissioni da segretario, proprio per dare la possibilità alla sinistra di appropriarsi di un elettorato che ormai non si riconosce più in questa politica che, nei fatti, ha abbandonato quei valori che la distinguevano.

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate

  • Lombardia, Di Pietro escluso dall’autorità regionale anticorruzione. Lombardia, Di Pietro escluso dall’autorità regionale anticorruzione.
    Il magistrato simbolo di mani pulite non è stato scelto per l’ARAC ( Agenzia Regionale Anti Corruzione). Agenzia nata con il compito di contribuire e prevenire a contrastare la corruzione e l’illegalità nella Regione Lombardia e negli enti del sistema regione. Alla fine la scelta sulla presidenza dell’Authority...