ROBERTO DI BAGGIO CONSIGLIERE DEL PD A ISERNIA ED ASSESSORE IN QUOTA FI IN REGIONE - QUALCOSA NON TORNA - Molise Web giornale online molisano
ELENCO :: POLITICA :: REGIONE
martedì, 15 maggio 2018
Roberto Di Baggio Consigliere del Pd a Isernia ed assessore in quota FI in Regione - Qualcosa non torna
di Francesco Bonomolo
L'annuncio, arrivato nella tarda serata di ieri, dei nomi dei cinque assessori regionali scelti dal Governatore Donato Toma ha scatenato nelle ultime ore una focolaio di polemiche e malumori: il primo a non aver accettato la decisione di Toma è stato Quintino Pallante, unico eletto in quota Fratelli d'Italia con oltre 1800 preferenze, che ieri sera ha abbandonato il vertice a Palazzo Vitale in aperto dissenso con il governatore. Fratelli d'Italia ha mal digerito la notizia del doppio assessorato a Forza Italia e in particolare non han accettato l'indicazione di Roberto Di Baggio, eletto con il partito di Berlusconi dopo essere stato candidato alle scorse elezioni comunali di Isernia con la lista "Isernia di Tutti" collegata al candidato sindaco Rita Formichelli del Partito Democratico, notoriamente molto vicino a Pierpaolo Nagni, ex assessore del governo Frattura aderendo al movimento che fa a copo a Beatrice Lorenzin. Secondo indiscrezione l'esclusione di Pallante avrebbe avuto risvolti sullo scacchiere politico nazionale, tenuto conto che la stessa leader di Fdi Giorgia Meloni avrebbe espresso il suo malcontento, per le vicende molisane, direttamente a Silvio Berlusconi. Ma ad aggiungere ulteriormente benzina sl fuoco è stato oggi il coordinatore regionale di Fratelli d'ìItalia Filoteo Di Sandro, primo dei non eletti nel partito della Meloni con oltre 1400 preferenze. L'ingresso di Pallante in giunta avrebbe automaticamente comportato, sulla base della sospensione obbligatoria prevista dalla legge elettorale regionale, il subentro tra i banchi di palazzo D'Aimmo dello stesso Di Sandro.

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate

  • Venittelli: Venittelli: "Frattura chieda la deroga al decreto Balduzzi per il Molise"
    “Il Molise può ancora salvare un servizio sanitario e una rete ospedaliera che garantisca il diritto alla salute della cittadinanza, ma occorre che i vertici regionali si impongano una volta per tutte chiedendo la riconvocazione della conferenza Stato-Regioni per modificare il regolamento Balduzzi prima che venga promulgato come...