CREAAZIONI, LA START UP MOLISANA CON 12 MAMME ALLA GUIDA DEL RILANCIO DELL'ITTIERRE - Molise Web giornale online molisano
martedì, 13 febbraio 2018
CreaAzioni, la start up molisana con 12 mamme alla guida del rilancio dell'Ittierre
Foto de Il fatto Quotidiano

Una storia di donne e di forza quella che è stata raccontata oggi su Il Fatto Quotidiano con protagonista Teresa Ascione e altre 11 mamme. Teresa ha 45 anni e per un lustro ha lavorato per l'Ittierre, la nota azienda leader nella produzione di abbigliamento e accessori di Pettoranello. Dopo la chiusura e i problemi a essa collegati è stata fondata la start up innovativa CreAzioni. 

Come racconta il giornalista Raffaele Nappi gli ex dipendenti in mobilità così non si sono dati per vinti. Nel 2017 è stata lanciata una campagna di crowdfunding online, ricevendo solo 10 euro: “Abbiamo raccolto poco – sorride Giorgio Gagliardi –. Ma abbiamo avuto il merito di coinvolgere sul tema un qualificato partenariato scientifico come università e centri di ricerca del territorio, con i quali sono stati avviati percorsi di innovazione di processo e di prodotto per il settore. Come ad esempio le colorazioni naturali dei tessuti. Alla base della nuova start up c’è il tema del ‘reshoring’, che si sviluppa con la creazione di una rete di imprese. In più Giorgio si batte per sensibilizzare l’intera comunità sul concetto del ‘riuso temporaneo’ dell’area ex-Ittierre, attualmente abbandonata, legandolo alla valorizzazione di un edificio, di una storia industriale, di un patrimonio di competenze moda. La reazione del territorio è stata caratterizzata da generico consenso, ma con scetticismo. Da parte delle istituzioni c’è stata “comprensione e supporto”, “ma non soldi – specifica Giorgio – Il nostro progetto non ha mai ricevuto alcuna forma di contributo. Se però avessimo potuto puntare su una somma come 20mila euro avremmo potuto definire gli accordi con le università per sviluppare tutto più velocemente”. Va detto, a riguardo, che proprio attraverso la lunga campagna di sensibilizzazione si è riusciti oggi a coinvolgere un investitore privato e ad ottenere il sostegno di Microcredito per l’Italia.

Un racconto di speranza che ha visto, come poco accade in un contesto di forte assistenzialismo, muovere passi verso una visione del "dover mettersi in gioco e rischiare". Una sfida non facile, ma che in pochi anni sta riscuotendo attenzione soprattutto fuori dai confini regionali. 

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate

  • No alla violenza sulle donne, il camper di Liberaluna Onlus No alla violenza sulle donne, il camper di Liberaluna Onlus
    Inizierà lunedì 6 novembre, da Campobasso, il giro in camper per il territorio molisano per dire no alla violenza sulle donne. Il progetto è un’iniziativa di Liberaluna Onlus, che vedrà impegnati circa 30 soggetti per 18 mesi con l'obiettivo di sensibilizzare contro la violenza e creare...