#ludostorie_Appunti di Viaggio: "Gaiezza"

Foto di Michele Ritota
Mi trovo spesso nella capitale partenopea, fin da quando ero un bimbetto. Forse i miei mi ci hanno portato molte volte perché si sono conosciuti lì e nutrono verso questa città un sentimento di amore ed odio. Un sentimento che sto iniziando ad ereditare e che spero diventi mio. Ogni volta che rimetto lo zaino in spalla, per dirigermi verso altri orizzonti, mi sento un po' più cresciuto, un po' più consapevole e ogni mio problema o dubbio esistenziale svanisce, viene abbattuto. Napoli è come  una terapia ma è anche una città che, dal punto di vista artistico, mi fa sentire stimolato. Ogni persona è lì per raccontarmi qualcosa della sua vita, è come se lo stesse facendo  apposta, è una cosa davvero affascinante. Guardate, ad esempio, lui. Lasciatevi trasportare dalla serenità che infonde questo scatto: un uomo disteso, rilassato, in pace con se stesso, estraneo a tutte le sfumature di cui si colora una città come Napoli. Che uomo! Odora di sudore, di sacrifici, di umiltà ma soprattutto è ancora in grado di staccare la spina dal cellulare, dal lavoro, dalle ansie che ci avvolgono, dall'inquietudine che ci imprigiona. Ma voi ci pensate mai? 
Ludovica Colangelo