AZIENDE E PERSONE DIVERSAMENTE ABILI? UN RAPPORTO PARALLELO - Molise Web giornale online molisano
ELENCO :: LAVORO
sabato, 20 gennaio 2018
Aziende e persone diversamente abili? Un rapporto parallelo
Coloro che impiegano almeno 15 dipendenti hanno l'obbligo di assumere un lavoratore diversamente abile. È questo il succo della riforma entrata in vigore lo scorso, 1 gennaio, ma che offre ai datori di lavoro la possibilità di mettersi in regola entro l'inizio di marzo, nonostante la novità fosse già nota, dato che è stata attivata con un anno di ritardo. Molti, però, sono impreparati o forse così voglio risultare a causa dell'indigestione scatenata dall'iniziativa che a tratti assume le sembianze di un baratto: un dipendente disabile in cambio di sgravi fiscali e se il patto non viene rispettato 153,20 euro per ogni giorno non lavorato dal disabile che doveva essere assunto. Molte aziende, infatti, così come ha dichiarato a La Stampa, Alessandra Naddeo, dello sportello Anmil  "chiedono profili assurdi, per esempio, un interprete cinese-arabo per poi dire che non c’è la persona adatta». A spiegare il motivo dell'atteggiamento adottato da tante aziende è Confidustria «le persone disabili hanno il diritto di essere inserite nel mondo del lavoro ma non è corretto scaricare tutto il peso sulle aziende». Ora non resta che capire quale significato molte aziende diano alla parola "peso".

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate

  • Vertenza esattorie, ancora rinvii sull'appalto di riscossione tributi Vertenza esattorie, ancora rinvii sull'appalto di riscossione tributi
    Settanta ex dipendenti ancora senza lavoro e senza speranze di un futuro miglior: è questa la situazione della "vertenza esattorie" di Campobasso. La situazione avrebbe dovuto muoversi nella giornata di oggi ma, come si ci aspettava, c'è stato l'ennesimo rinvio. Oggi, infatti, dovevano essere aperte le buste...