ISERNIA: BLITZ ANTIDROGA DEI CARABINIERI. QUATTRO PERSONE FINISCONO NEI GUAI, SOTTO SEQUESTRO VARIE DOSI DI HASHISH E MARIJUANA - Molise Web giornale online molisano
ELENCO :: CRONACA :: ISERNIA
venerdì, 19 gennaio 2018
Isernia: Blitz antidroga dei Carabinieri. Quattro persone finiscono nei guai, sotto sequestro varie dosi di hashish e marijuana

Nelle ultime ore sono stati ulteriormente intensificati i controlli dei Carabinieri, al fine di prevenire il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, presso obiettivi considerati "a rischio" quali, la stazione ferroviaria, il terminal bus, la villa comunale e il monumento ai caduti di Isernia. Le attività dei militari del Nucleo Investigativo, del Nucleo Operativo e Radiomobile e della locale Stazione, hanno riguardato prevalentemente l’area interna ed esterna dei luoghi interessati tra piazza della Repubblica, corso Garibaldi e piazza Tedeschi. Quattro in tutto sono stati i giovani trovati in possesso di sostanze stupefacenti, si tratta di tre isernini e di uno straniero di origine egiziana. Le dosi rinvenute consistenti in stupefacenti del tipo hashish e marijuana sono state sottoposte a sequestro, mentre a carico dei quattro dopo le formalità di rito espletate presso gli uffici del Comando Provinciale Carabinieri, è scattata una denuncia alle competenti Autorità Giudiziaria e Amministrativa. Ulteriori indagini sono in corso per accertare se la droga rinvenuta fosse per uso personale o se destinata all’attività di spaccio nel centro del capoluogo “pentro”. Nei prossimi giorni così come già positivamente sperimentato negli ultimi mesi, tali controlli saranno estesi anche presso istituti scolastici e altri luoghi di ritrovo dei più giovani, con l’impiego di unità cinofile antidroga dell’Arma.

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate

  • Detenuto muore in ospedale a Campobasso: cinque le persone indagate Detenuto muore in ospedale a Campobasso: cinque le persone indagate
    Sarebbero cinque gli agenti di polizia penitenziaria indagati dalla Procura di Larino con l’accusa di omicidio preterintenzionale. Il fascicolo è quello aperto per fare chiarezza sulla morte di Carlo Sticca, 56enne di Campomarino , avvenuta nella sezione per i detenuti dell’ospedale Cardarelli del capoluogo. Sticca era...