TERREMOTI: SCOPERTE INTRUSIONI ATTIVE DI MAGMA NELL' APPENNINO MERIDIONALE - Molise Web giornale online molisano
ELENCO :: CRONACA
mercoledì, 10 gennaio 2018
Terremoti: scoperte intrusioni attive di magma nell' Appennino meridionale

E' stato scoperto all'interno dell'Appennino meridionale, da un team di studiosi dell'INGV (Istituto Nazionale di geofisica e vulcanologia) e dal Dipartimento di Fisica e Geologia dell'Università di Perugia, pubblicato sulla rivista scientifica Scienze Advances, delle intrusioni attive di magma in profondità. Secondo questo studio denominato "Seismic signature of active intrusions in mountain chains", queste intrusioni potrebbero generare terremoti di intensità significativa e più profondi rispetto alla sismicità tipica di quell' area. Vengono studiate la composizione e la sismicità delle catene montuose, i meccanismi di risalita dei magmi e dei gas e come monitorarli. La scoperta nasce dopo l'analisi della sequenza sismica che avvenne tra il 2013 - 2014 nel Matese con scosse molto profonde, e che non risultava in linea con la normale attività dell'Appennino Centrale. Grazie a questa scoperta si è compreso che il terremoto di magnitudo 5 fu causato dalla risalita di magma nella crosta tra i 15 e 25 km di profondità. Tali fluidi era costituiti prevalentemente da anidride carbonica, giunta in superficie come gas libero e disciolta successivamente all'interno degli acquiferi dell'Appennino. Il geochimico dell'INGV, Giovanni Chiodini interviene sull'ipotesi della formazione di un vulcano: "È da escludere che il magma che ha attraversato la crosta nella zona del Matese possa arrivare in superficie formando un vulcano. Tuttavia, se l’attuale processo di accumulo di magma nella crosta dovesse continuare non è da escludere che, alla scala dei tempi geologici (ossia migliaia di anni), si possa formare una struttura vulcanica". “I risultati fin qui raggiunti”, -  conclude il geofisico e coordinatore dell'INGV Francesca Di Luccio, - “aprono nuove strade non solo sui meccanismi dell’evoluzione della crosta terrestre, ma anche sulla interpretazione e significato della sismicità nelle catene montuose ai fini della valutazione del rischio sismico correlato”.

 

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate

  • Diffamazione, Sgarbi condannato a risarcire Di Pietro jr Diffamazione, Sgarbi condannato a risarcire Di Pietro jr
    “Sgarbi che parla tanto deve rispettare la legge, le sentenze e la giustizia. E’ stato già condannato sette – otto volte per diffamazione nei miei confronti. E lui non paga, semplicemente perché apparentemente nullatenente. Mi deve qualche centinaia di migliaia di euro“. Era così che affermava...