CARABINIERI DEL COMANDO PROVINCIALE DI ISERNIA: SUCCESSO PER I CONTROLLI DI CAPODANNO - Molise Web giornale online molisano
ELENCO :: CRONACA :: ISERNIA
martedì, 02 gennaio 2018
Carabinieri del Comando Provinciale di Isernia: successo per i controlli di Capodanno

I Carabinieri del Comando Provinciale di Isernia per concludere il 2017 in sicurezza non solo hanno controllato centinaia di automobilisti e persone ma hanno anche realizzato, lungo le maggiori arterie stradali e nei centri con maggior afflusso di persone, numerosi posti di blocco. Particolare attenzione nel corso dei controlli è stata rivolta al contrasto dell’uso smodato di alcoolici soprattutto da parte dei più giovani, al fine di prevenire episodi degenerativi, che spesso sfociano in manifestazioni di violenza. Il bilancio dell’attività svolta, che ha visto impiegati oltre 140 Carabinieri, è di 442 autoveicoli controllati; 578 persone identificate di cui 5 deferite all’A.G. poiché responsabili di reati vari; 23 contravvenzioni elevate al C.d.S. per un importo complessivo di € 3.670,00; 4 patenti di guida ritirate; 1 autovettura sottoposta a sequestro e 63 esercizi pubblici controllati. Ad Isernia, inoltre, il giorno di San Silvestro una signora residente nel capoluogo, ha rinvenuto una borsa di pelle al cui interno erano custoditi  224 Euro, un tablet e vari documenti intestati ad una cittadina extacomunitaria. Senza alcuna esitazione e dimostrando un elevato senso civico, la donna ha consegnato immediatamente il tutto ai Carabinieri del Comando Stazione di Isernia, i quali sono riusciti in breve tempo a rintracciare la proprietaria, una giovane nigeriana ospite di un Centro di Accoglienza Temporanea del posto, alla quale hanno provveduto a restituire la borsa, con il suo contenuto.    

 

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate

  • Arresto capoclan Francesco Mallardo, gestiva attività illecite anche in Molise Arresto capoclan Francesco Mallardo, gestiva attività illecite anche in Molise
    All’alba di ieri è partita una maxi operazione della polizia, coordinata dalla Dda, che ha portato all’arresto del capoclan Francesco Mallardo e di suo cognato Antimo Liccardo. I Mallardo riciclavano milioni di euro in attività lecite attraverso appalti e lottizzazioni edilizie. Il principale centro di affari era...