ISERNIA: CONTROLLI DEI CARABINIERI PRESSO I “COMPRO ORO” PER PREVENIRE EVENTUALI TRAFFICI ILLECITI E RICICLAGGIO DI OGGETTI PREZIOSI - Molise Web giornale online molisano
ELENCO :: CRONACA :: ISERNIA
venerdì, 29 dicembre 2017
Isernia: Controlli dei Carabinieri presso i “compro oro” per prevenire eventuali traffici illeciti e riciclaggio di oggetti preziosi

Una vasta operazione è stata portata a termine dai Carabinieri in tutto il territorio della provincia di Isernia, come predisposto dal Comando Interregionale Carabinieri “Ogaden” di Napoli, finalizzata al controllo delle attività di “compro oro”. Militari delle Stazioni territorialmente competenti, in collaborazione con personale dei Nuclei Operativi e Radiomobile delle Compagnie di Isernia, Venafro ed Agnone e quelli del Nucleo Investigativo Provinciale, hanno proceduto ad accertamenti presso le suddette attività, sia di natura amministrativa per riscontrare eventuali irregolarità legate alle licenze di vendita, con particolare attenzione dei certificati di vendita dei preziosi, la verifica dei registri giornalieri di carico e scarico della merce, sia con l’obiettivo di verificare eventuali traffici illeciti, come casi di riciclaggio di refurtiva o comunque commercio di preziosi rubati nelle abitazioni private e che poi potrebbero essere rivenduti ai “compro oro”. Per quanto concerne i controlli amministrativi in un caso è stata riscontrata la mancata presentazione degli strumenti per la pesatura alla revisione periodica per la quale l’attuale normativa prevede una sanzione amministrativa che va dai cinquecento ai millecinquecento euro, mentre al momento non sono stati comunque riscontrati casi inerenti eventuali attività di ricettazione.

 

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate

  • Furto di energia elettrica: 40enne arrestato a San Giacomo degli Schiavoni Furto di energia elettrica: 40enne arrestato a San Giacomo degli Schiavoni
    Denunciato un 40enne di San Giacomo degli Schiavoni per il reato di furto aggravato. I Carabinieri di Termoli, a seguito di accurati accertamenti, eseguiti con l’ausilio tecnico di personale specializzato dell’Enel, sono riusciti ad appurare che l’uomo, attraverso un cavo installato abusivamente, fruiva illecitamente...