“CHI E PERCHé HA UCCISO ALDO MORO?" TORNA A TERMOLI LUNEDì 18 DICEMBRE - Molise Web giornale online molisano
ELENCO :: EVENTI
venerdì, 15 dicembre 2017
“Chi e perché ha ucciso Aldo Moro?" torna a Termoli lunedì 18 dicembre

Con la novità rilevante dell’approvazione da parte della Camera della risoluzione Grassi, Dellai, Distaso, Kronbichler, Gianluca Pini, Sisto e Pastorelli presentata alla relazione della Commissione parlamentare di inchiesta sul rapimento e sulla morte di Aldo Moro, sull'attività svolta dalla Commissione medesima, torna il ciclo di incontri con cadenza periodica mensile promossi dai deputati Gero Grassi e Laura Venittelli. Una serie di dibattiti con gli studenti e le cittadinanze che suscita sempre più interesse, anche perché c’è chi non si arrende nel voler risolvere uno dei misteri più fitti della storia repubblicana: il caso Moro, appunto, che nel marzo prossimo sarà commemorato nel 40ennale del rapimento e nell’uccisione dello statista democristiano.  Dopo gli incontri dello scorso 13 ottobre, a Guglionesi e Agnone, e di sabato 18 novembre a Campobasso e Venafro, il ciclo di incontri dal titolo: “Chi e perché ha ucciso Aldo Moro?” riapproda a Termoli, dove venne promossa per la prima volta nel novembre 2014.  Il convegno mattutino avrà luogo lunedì prossimo 18 dicembre, dalle ore 10.30 presso il cinema Sant’Antonio dove interverranno i dirigenti scolastici del liceo Alfano Concetta Rita Niro e dell’istituto Majorana Stefano Giuliani, l’onorevole Laura Venittelli e lo stesso Gero Grassi, relatore principale della giornata. Il ciclo di eventi promossi in Molise rappresenta un impegno profondo per portare alla luce la ricostruzione di una delle pagine più oscure della storia del nostro Paese.

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate

  • Fondazione Giovanni Paolo II, ventitrè anni fa la posa della prima pietra Fondazione Giovanni Paolo II, ventitrè anni fa la posa della prima pietra
    Il 19 marzo è una data memorabile per il Molise: ventitré anni fa, venne infatti posta la prima pietra di quello che sarebbe diventato il Centro di Ricerche e Formazione ad Alta Tecnologia nelle Scienze Biomediche oggi Fondazione “Giovanni Paolo II”. In quell’occasione il Santo Padre giunse sula collina...