VIDEO STREAMING DELLA PRESENTAZIONE DEL LIBRO “IL CHE, MIO FRATELLO” DI JUAN MARTIN GUEVARA A CAMPOBASSO - Molise Web giornale online molisano
ELENCO :: CULTURA
domenica, 26 novembre 2017
Video streaming della presentazione del libro “Il Che, mio fratello” di Juan Martin Guevara a Campobasso
Si è svolto lunedì 27 novembre alle ore 18 presso l’Auditorium del Palazzo Gil "Cronache di Inverno Off - Dialogo con Juan Martin Guevara", in cui è stato presentato il libro Il Che mio fratello, ed è l’evento di anticipazione di Cronache di Inverno, che prenderà il via dal prossimo 21 dicembre, la rassegna promossa da Moliseweb dedicata a storie che arrivano da diverse parti del Molise, dell'Italia e del mondo.
 
 
Il libro
“Anche lui - Ernesto - aveva bisogno di quei momenti di intimità che gli permettevano di dimenticare le proprie responsabilità per ritornare semplicemente a essere un fratello”. Un’immagine di un Che Guevara uomo è quella che Juan Martin Guevara restituisce nel libro Il Che mio fratello, scritto 50 anni dopo la fucilazione del Comandante della rivoluzione cubana avvenuta il 9 ottobre del 1967. Dalle memorie personali, emerge il ritratto del bambino che divora romanzi di Salgari e Giulio Verne e gioca a rugby, dello studente di medicina che si laurea a tempo di record solo per conquistare la libertà di poter percorrere il viaggio nel mondo. Per riconciliarsi con un fratello adorato ma ingombrante, Juan Martín riannoda il filo dei ricordi e presenterà ciò che è stato Ernesto Guevara de la Serna prima di diventare una leggenda. Tra divertenti aneddoti di vita quotidiana e inediti scorci di un ambiente familiare colto e anticonvenzionale nell’Argentina tra gli anni Trenta e Sessanta, Juan Martín Guevara compie un’intensa, e a tratti dolorosa, incursione nella propria storia privata, lontana e recente.
 
Juan Martin Guevara
Juan Martín Guevara, classe 1943, è il minore dei cinque fratelli Guevara, e alla fine degli anni ’50, quando Ernesto “Che” Guevara entrava trionfante a La Habana, lui aveva 15 anni. Fu il prigioniero politico n°449, per otto anni e tre mesi durante la dittatura argentina, poiché militava nel PRT (Partido Revolucionario de los Trabajadores). Da allora il suo progetto più importante è lo studio del pensiero, l’approfondimento e l’attualizzazione della figura del “Che”, assassinato a La Higuera in Bolivia, il 9 ottobre 1967. Ha scritto il libro Il Che, mio fratello (ed. Giunti) con la giornalista francese Armelle Vincent, editato in diversi Paesi.
 

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate

  • Diabolik sostiene l'associazione antiviolenza Diabolik sostiene l'associazione antiviolenza "Ti amo da morire"
    Sul numero 42 del Grande Diabolik, in edicola il prossimo mese di novembre 2016, troverete una pagina dedicata allo sportello d’ascolto di Ti Amo da Morire ONLUS, questo è solo il primo passo che compiremo a fianco della splendida Eva Kant che, attraverso la nostra Associazione, cercherà di porsi intelligentemente...