PETRAROIA: "DUE FIORI ROSSI IN MEMORIA DI NICOLA SACCO E DI GHEORGHE RADU" - Molise Web giornale online molisano
ELENCO :: POLITICA :: REGIONE
lunedì, 21 agosto 2017
Petraroia: "Due fiori rossi in memoria di Nicola Sacco e di Gheorghe Radu"
Attraverso una nota indirizzata alle organizzazioni Sindacali Confederali del Molise e della Provincia di Foggia e ai sindaci di Torremaggiore (FG) e di Campomarino (CB), il consigliere regionale Michele Petraroia invita a depositare due fiori rossi per onorare la memoria di Nicola Sacco e Gheorghe Radu morti mentre, lontani dalla loro patria, stavano lavorando.

"Nicola Sacco - si legge nella nota - lasciò Torremaggiore in provincia di Foggia nel 1909 ed il 12 aprile di quell’anno raggiunse a bordo della nave “Romanic“ Boston negli Stati Uniti trovando presto un lavoro in una fabbrica di scarpe a Milford. Gheorghe Radu lasciò Dorohoi  nell’enclave moldova della Romania agli inizi del 2000 per raggiungere Torremaggiore (FG) dove scelse di vivere con la moglie e la figlia lavorando come bracciante agricolo in Puglia ed in Basso Molise. La mattina del 29 luglio 2008 Gheorghe partì da Torremaggiore per recarsi a lavorare nelle campagne di Nuova Cliternia a Campomarino (CB) e non tornò più a casa. Morì sul lavoro a 35 anni ma a distanza di nove anni il Tribunale di Larino (CB) non ha trovato alcun colpevole. Il cippo piantato ne luogo dove cadde è stato più volte divelto e danneggiato, ma il fenomeno del lavoro nero e l’utilizzo di operai immigrati in attività irregolari permane e si estende sotto i nostri occhi come se fosse ineluttabile, inevitabile e troppo ovvio per essere perseguito.
Eppure da Torremaggiore -
scrive ancora Petraroia -  Nicola Sacco già un secolo prima teneva assemblee, eventi sindacali e lotte operaie in difesa degli immigrati e per condizioni di lavoro più dignitose negli Stati Uniti d’America. Per la sua attività fu arrestato una prima volta nel 1916 e successivamente nel 1920 insieme a Bartolomeo Vanzetti, processato più volte e condannato a morte sulla sedia elettrica a Charlestown il 23 agosto del 1927, nonostante la mobilitazione mondiale  e malgrado gli appelli per la revisione del processo del molisano Arturo Giovannitti, di Albert Einstein, Bertrand Russell, Bernard Shaw ed altri.  A 90 anni da quella brutale esecuzione sono di una tristissima attualità le ultime parole che Nicola Sacco indirizzò al figlio Dante:  <…aiuta i deboli che gridano per avere aiuto, aiuta i perseguitati e le vittime, perché questi sono i tuoi migliori amici; son tutti i compagni che combattono e cadono, come tuo padre e Bartolo, che ieri combattè e cadde per la conquista della gioia e della libertà per tutti e per i poveri lavoratori. Si, Dante mio, essi potranno ben crocifiggere i nostri corpi come già fanno da sette anni: ma essi non potranno mai distruggere le nostre idee, che rimarranno ancora più belle per le future generazioni a venire.>.
Due fiori rossi -
conclude il consigliere regionale -  il 23 agosto, uno per i 9 anni del migrante Gheorghe, e uno per i 90 anni del migrante Nicola, per ricordare la dignità di chi lavora e non rendere vano il loro sacrificio".

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate

  • Provincia di Isernia sceglie presidente Provincia di Isernia sceglie presidente
    La Provincia di Isernia sceglie oggi il suo nuovo presidente. Dalle 8 di questa mattina e fino alle 20 in via Berta si vota per eleggere il successore di Luigi Brasiello, decaduto dalla carica dopo la fine anticipata della sua esperienza di sindaco di Isernia. Alle urne vanno sindaci e amministratori dei comuni della provincia. In corsa ci...