NUOVO OSPEDALE TRA VASTO E SAN SALVO: D'ALFONSO POTENZIA LA SANITà PUBBLICA E FRATTURA LA SMANTELLA - Molise Web giornale online molisano
ELENCO :: POLITICA :: REGIONE
mercoledì, 26 luglio 2017
Nuovo ospedale tra Vasto e San Salvo: D'Alfonso potenzia la sanità pubblica e Frattura la smantella

"Dopo la conferenza stampa del Presidente della giunta regionale dell'Abruzzo, Luciano D'Alfonso, si apprende la volontà di continuare ad investire sulla sanità pubblica attraverso la costruzione di una nuova struttura ospedaliera tra Vasto e San Salvo. Se in Abruzzo vi è un presidente ed un esecutivo che danno slancio alla sanità regionale pubblica a servizio dei cittadini, a poche decine di chilometri di distanza, in Molise, c'e' un Commissario ad acta nonché presidente della giunta regionale che decide in alcuni casi di chiudere definitivamente intere strutture ospedaliere ed in altri di declassificare quelle restanti, il tutto a discapito della sanità pubblica e favorendo le strutture private".

Il consigliere regionale di MDP Francesco Totaro prende spunto dall'annuncio dato dal governatore dell'Abruzzo di realizzare un nuovo ospedale a confine con il Molise per lanciare un duro attacco al governatore molisano Frattura. "Non regge più - dichiara a riguardo Totaro - il leit-motive del presidente Frattura che, con un colpo solo, ha decretato la fine dell'Ospedale Vietri di Larino ed il declassamento del nosocomio di Termoli, utilizzando come alibi la riduzione della spesa sanitaria. E se da una parte l'uno taglia dall'altra parte c'è chi incrementa e non sarebbe poi cosi' difficile pensare che non garantendo piu' i livelli minimi di assistenza sanitaria, migliaia di cittadini residenti in Basso Molise non ricorrano alle cure sanitarie presso la nuova struttura Abruzzese distante poche decine di chilometri, favorendo la cosiddetta mobilità sanitaria interregionale.

Questo significa che se pur distruggendo la sanità pubblica, chiudendo interi reparti soprattutto in Basso Molise ed avendo forse un minimo di risparmio immediato, anche se non è sulla salute dei cittadini che si dovrebbe risparmiare, si avrà un effetto boomerang col passare degli anni poiche' le prestazioni erogate fuori Regione, ed in particolare nella vicina Abruzzo, comporteranno una spesa quattro volte maggiore a quello che oggi si è risparmiato dato che l'Azienda sanitaria regionale (Asrem), dovrà effettuare rimborsi delle spese sostenute da pazienti affetti da patologie in strutture sanitarie pubbliche extraregionali per prestazioni non effettuabili in Molise.

E mentre nella nostra Regione il renziano Frattura contrae un mutuo di circa 370 milioni di euro per rientrare dal deficit sanitario, il PD di Renzi eroga 228 milioni di euro per finanziare la costruzione di cinque nuove strutture ospedaliere nella regione Abruzzo."

 

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate