CORPUS DOMINI 2017. A BREVE L'EVENTO TANTO ATTESO E SI SPERA IN UN’”ALTA MAREA” DI CULTURA E TRADIZIONE - Molise Web giornale online molisano
domenica, 21 maggio 2017
Corpus Domini 2017. A breve l'evento tanto atteso e si spera in un’”alta marea” di cultura e tradizione

di Laura D'Ambrosio

Sta arrivando. È la festa che tutti attendono, la più celebrativa della tradizione molisana, e che richiama gente da ogni parte della regione: il Corpus Domini.

Oltre alla consueta sfilata degli ingegni di Paolo Saverio Di Zinno, rinomata in tutta Italia e la cui straordinarietà è arrivata fin oltre oceano, ogni anno si fa sempre un gran parlare del cantante di spicco che animerà la serata conclusiva della festa.

I rumors cominciano a serpeggiare alla vigilia dell’evento tanto atteso. I nomi che si susseguono sono numerosi in attesa della scelta definitiva accompagnata ogni anno da polemiche, stupore e delusione. Dopo tanto parlare la “fumata bianca” da Palazzo San Giorgio sembra in dirittura di arrivo e pare sarà Antonello Venditti a calcare il palco di P.zza Prefettura allestito appositamente in occasione della festa. Tuttavia, l’ufficialità sul super ospite tanto atteso si avrà solo domani.

Svelato il mistero del cantante non resta che attendere il cartellone degli appuntamenti che animerà l’edizione 2017. Si spera che sarà gremito e variegato come quello dell’anno scorso, perché riguardo a questa festa, caratterizzata dal mescolarsi di sacro e profano, i campobassani in particolare davvero non vogliono saperne di accontentarsi.

Dall’Assessorato alla Cultura fanno sapere che si tratterà di un programma di eventi ricco e variegato, orientato soprattutto ad una promozione del territorio attraverso l’esaltazione delle bellezze e delle peculiarità enogastronomiche e turistiche del Molise.

Non solo cibo, cultura e ambiente ma anche tanto divertimento caratterizzeranno il Corpus Domini 2017 che coinvolgerà tutti, grandi e piccini, anche con spettacoli in piazza e l’esibizione di band molisane esordienti e non.

Si ballerà e si canterà con l’odore di scapece che inonderà l’aire campobassana insieme alle voci dei venditori delle bancarelle che ti convincono ad acquistare la novità dell’anno un po’ perché “fa figo” e un po’ perché, altrimenti da buon “campuasciano” che si rispetti, quasi ti sentiresti in colpa per non aver onorato la festa. E allora tutti a cacciare la lingua al diavolo domenica 18 giugno, lungo le strade di questa città il cui entusiasmo culturale e d’intrattenimento ultimamente sembra essersi coperto di nerofumo.

In Evidenza

Ultimi Eventi

Ultimi Video

ELENCO VIDEO

Notizie Correlate